Pubblicato in: Proposte - proposals

Come ti trafiggo l’IMU con una riga

L’Enrichetto trilaterale ha ripetuto la lezione davanti alla classe riunita. Oh che gioia, o che tripudio, ha promesso di eliminare l’IMU sulla prima casa da subito.

Mi sembra una buona iniziativa. E da volpone qual’è mi sembra che abbia accuratamente evitato di dire dove risparmierà i soldi che non incasserà. Perché se togli una imposta e non sei in attivo – lo stato italione è sempre stato in passivo, in rosso – allora devi ridurre le spese.

E come fare per Diana?

Lo avevo già scritto 8 mesi fa, per eliminare del tutto l’IMU sulla prima casa basta una legge di UNA riga:

Legge n° x del 1/5/2013:

Art. 1: Le pensioni sono soggette ad un contributo di solidarietà del 100% per la quota superiore a 3000€/mese.

Tah-dah! Dieci miliardi e quattrocento ottanta milioni di Euro l’anno risparmiati.

Ma no, troppo complicato! Troppo impossibile da attuare: lo sapete chi colpisce? Colpisce la casta. Ma mica solo gli ex-parlamentari ed gli ex-senatori belli miei. Quelli sono solo qualche migliaio. Mica abbiamo cinquecentomila ex-deputati. Un provvedimento del genere colpirebbe la casta vera: i burocrati dorati, i mandarini dello stato, gli alti funzionari, i dirigenti, i magistrati. Gli stessi che circondano mellifluamente i parlamentari, li coccolano e li blandiscono per mantenere i loro privilegi.

Gli stessi burocrati che appena Monti ha provato a scalfire lievissimamente i loro privilegi con un contributo del 5-10% sugli importi mi pare oltre i 6.000€/mese subitissimo tutti i magistrati con un iter fulminante si sono affrettatissimi a dichiarare la cosa illegale, incostituzionale. Minchia, pareva una singolarità quantica.

E allora eccoli i ministeri che scaldano le loro macchine burocratiche, capaci di parorire mostri da lasciapassare A38. Basta leggere i giornali chessò Lettera43: moratorie, detrazioni esenzioni. Ma cazzo, è così difficile dire “La tassa non si applica sulla prima casa?”

C’è poi Triskel copia come suo solito Il Fatto Quotidiano, il quale come al solito si straccia le vesti perché non ci sarebbero le risorse per aiutare le famiglie povere, i senza lavoro, i miseri. Ma le risorse ci sono! Solo che come al solito i sinistri a parole dicono di voler difendere i deboli, poi nei fatti difendono solo loro stessi. O più probabilmente sono così incistati nelle burocrazie romane e i loro cervelli così ammorbati da profluvio di leggi incomprensibili che non riescono più nemmeno a concepirle soluzioni semplici ed efficaci. Forse neanche le vogliono.

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

Un pensiero riguardo “Come ti trafiggo l’IMU con una riga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.