I giacobinisissimi redattori de «Le Figaro» scoprono con orrore che i russi iniziano la scuola andando a Messa.

Ora la fonte è piuttosto di parte, d’altronde chiamandosi “nocristianofobia.org” sapete perfettamente da punto di vista vi narra la notizia.

Eppure pare che questa non sia la strana imposizione di un qualche pope invasato di una qualche ipotetica scuola privata.

Sembra anche che non sia l’imposizione di qualche alto burocrate o ministro che usando il suo potere impone la cosa.

Pare che nonostante decenni di comunismo lo spirito cristiano dei russi si sia incredibilmente conservato e che l’invito a parte.

E la cosa dà molto, molto fastidio al redattore de Le Figarò che pare gradire il cristianesimo solo quando evita accuratamente di mostrarsi in pubblico. Insomma, questi cristiani come si permettono di comportarsi come tali in pubblico?

Ora chi tra i miei quattro lettori non ha avuto la fortuna di incontrare il Capo potrebbe trovare questo testo un po’ schierato.

le-figaroScandalizza i giacobini francesi de Le Figaro dello scorso 29 agosto il fatto che il Dipartimento per l’Educazione di Smolensk, città russa di 330 mila abitanti, abbia invitato tutti gli insegnanti ad assistere alla Messa annuale del prossimo primo settembre per l’inizio dell’anno scolastico, raccomandando la presenza presso la Cattedrale di Santa Maria Assunta. Ciò, ch’era assolutamente normale sino a qualche anno fa in qualsiasi Paesi di tradizione cristiana, secondo i “benpensanti” d’Oltralpe, avrebbe invece tradito la laicità dello Stato ed umiliato la Pubblica Istruzione nazionale.

«Nessuna direttiva scritta», solo il passaparola, commenta sempre più sconcertato Pierre Avril, corrispondente da Mosca del quotidiano francese, temendo ritorsioni sui dissenzienti, forse abituato ai metodi propri dei regimi laicisti.

In realtà, la convocazione è avvenuta per la prima volta a Smolensk, in occasione della visita del patriarca ortodosso Kirill, che ha celebrato qui la Messa per i mille anni dalla morte del principe Vladimir, colui che convertì il popolo russo al Cristianesimo, definito da Putin lo scorso dicembre davanti alla Nato come quella «potente forza spirituale unificante, che rese le varie tribù una Nazione ed uno Stato».

Per Le Figaro tutto questo è decisamente troppo. Va da sé chi, tra il giornale francese e la scuola russa, faccia la figura del demagogo…

Ora confrontate il tono del pezzo con quello dell’analogo pezzo che potete leggere su medias-presse.info (qui tradotto in modo automagico da Google in inglese1 2) .

Leggendo il pezzo di medias-presse si percepisce nettamente il malcelato laicista disprezzo per chi ha perfino lo sfrontato orgoglio di mostrare la sua fede in modo pacifico e civile.

Il processo alle intenzioni che Pierre Avril mette in piedi è rivelatore perché mostra il suo punto di vista. Se ho capito bene sosterrebbe che il passaparola non sia segno di una fede genuina e disinteressata ma al contrario dello stesso modo di fare che nei decenni addietro è stato usato per intentare i processi politici ed identificare i “nemici del popolo”. Insomma il bue che dà del cornuto all’asino, accusa gli altri delle cose che avrebbe fatto lui nella stessa situazione.

Oh, io della Russia non conosco quasi niente e non ci sono mai stato quindi domani mattina tutte queste mie seghe mentali potranno essere smentite, ma il giornalista francese certo non sembra brillare per obiettività nel riportare la notizia.

Annunci

3 pensieri su “Orrore! Vanno a Messa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...