Facce da gluteo, Le tasse sono una cosa bellissima

Donare è un po’ evadere

pagnossin-pane-gratis

Il ringraziamento del giorno va a Il Pane di Giulia VIA I MAGGIO, 30 MOTTA DI LIVENZA. Questo esercizio commerciale da sempre sensibile e vicino alle attività dell’associazione, ancora una volta si distingue con slancio ed un gesto concreto. Grazie dal Cuore grazie con il Cuore a Cristina e tutto il Team!

Via Christian Pagnossin

Scommettiamo che ci sarà un divino burocrate dallo stipendio di giada e lapislazzuli che sferzerà questa impudente manifestazione di evasione fiscale con una salatissima multa?

Per non parlare poi dei sinistri personaggi del Partito dei Delinquenti che subito vieterà di fare la carità

Queste inizative si stanno diffondendo, bene. Però prevedo a breve l’istituzione di una tassa sulle elargizioni di generi alimentari, tranne quando fatte da #coop amiche, beninteso, le quali lo vincoleranno a qualche altre carognata.

Ma come al solito i divini mandarini hanno già colpito che John Doe ci fa notare che

La tassa sulle elargizioni esiste già, +Rocca Maurizio. Il negozio deve conteggiare il valore del pane regalato, calcolare e versare l’IVA. In caso contrario: sanzione!

Nota bene, se invece il pane va distrutto, non deve versare nulla.

Viva li-taglia

Il grassetto è mio. Una burocrazia odiosa che genera leggi odiose! Se fai la carità ai poveri devi comunque pagare le tasse, mentre se distruggi del cibo no! Siamo alla follia!

Chi è lo stronzo cosmico che ha generato cotale immonda legge?

Annunci

6 pensieri su “Donare è un po’ evadere

  1. Aggiungerei che trattandosi di evidente carità cristiana, è anche un insulto alla religione di pace per cui io ci metterei anche qualche robusta sanzione per islamofobia, istigazione all’odio razziale e adesso non ho tempo ma cercando sono sicura che qualcos’altro da aggiungere si trova di sicuro.

    Liked by 1 persona

  2. Ricordo che proprio per evitare questo tipo di cose il titolare della pizzeria in cui lavoravo metteva insieme i pezzi di rosticceria e le pizze avanzate e le andava a portare alla missione di Biagio Conte. Se qualche idiota in divisa avesse provato ad infastidire quel sant’uomo sarebbe stato linciato da tutti quelli che ha aiutato, e sono tantissimi. Ce ne fossero di piu’ di cattolici del genere…

    Mi piace

    1. Il problema per i burocrati è che comunque il pizzaiolo avrebbe dovuto pagare L’IVA su tutta la roba che portava alla missione come se l’avesse venduta a prezzo pieno. La follia di questo paese di pazzi fottuti burocrati è questa. É anche da questo che tu sei evaso. Evaso come in evasore fiscale. Di questo passo faranno come in America: sei statunitense? Beh, allora anche se vai all’estero paghi comunque le tasse come se fossi negli usa (me l’hanno spiegata così, correggimi se sbaglio ma con fonti)

      Mi piace

      1. Non saprei. Per il resto, so bene che il titolare avrebbe dovuto pagare lo stesso l’IVA, ma Biagio Conte a Palermo ha una tale fama di santo che nessuno avrebbe osato andare a infastidire chi gli portava le offerte. Sarebbe venuto fuori un linciaggio in piena regola.

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...