Proverbi – i racconti della bassa

Mangiare e bere

Sorgente: Proverbi – i racconti della bassa

1 “La buca l’è no straca se non la sa de vaca”
Il pranzo termina con il formaggio
2 “A taula se ven mai vecc”
A tavola non si invecchia

3 “Chi sa el latin, loda l’acqua e bev el vin”
Chi conosce il latino elogia l’acqua ma beve vino

4 “El vin l’è la tetta di vecc”
Il vino è il latte dei vecchi

5 “L’apetitt l’è la salsa poeussè buna che ghè”
L’appetito è il miglior condimento

6 “El ris el nas ‘n del’acqua e ‘l moeur ‘n del vin”
Il riso nasce nell’acqua e muore nel vino

7 “Mangia, bev e tas e viv in santa pas”
Mangia, bevi e taci e vivi in santa pace

8 “Quand se gha fam se fa sunà mes dì”
Quando si ha fame si fa suonare mezzogiorno

9 “L’acqua l’è buna de lavà i pèe”
L’acqua serve a lavare i piedi

10 “El mangià per vess asè el ghà de vanzà”
Il cibo per essere sufficiente deve avvanzare

11 “L’acqua la fa marsì i punt”
L’acqua fa marcire i ponti

12 “Mej minestra rara che pulta spessa”
Meglio una minestra povera che un semolino

13 “Tut’scoss và al cü men che ‘l manegh del casü”
Tutto viene digerito tranne il manico del mestolo

14 “Per la gula se và ‘n malura”
Per la gola si va in malora

15 “A taula e in lett, nisün rispett”
A tavola e letto nessun rispetto

16 “Pan e nus l’è un mangià de spus”
Pane e noci è cibo da sposi

17 “Finchè dura pan e vin se po’ impipassen del destin”
Finchè c’è pane e vino non ci sono problemi

18 “La pulenta la contenta”
La polenta sazia

19 “Pan, vin e luganeghin l’è un mangià divin”
Pane, vino e cotechino e mangiare divino

20 “Buca buna, cü che truna”
Se ci si abbuffa si emettono … tuoni

21 “Poc a mangià, tanti a lauraà”
Meglio essere in pochi a mangiare e tanti a lavorare

22 “Mej cargall che ‘mpienill”
Meglio caricarlo che riempirlo (il vorace)

23 “Fa’  i ravioeu alla misura d’la buca”
Fare i ravioli misurati alla bocca

24 “Mangià al cald, durmì al frègg”
Mangiare al caldo dormire al freddo

25 “Pütost che roba avansa crèpa pansa”
Piuttosto che avanzare il cibo che crepi la pancia

26 “Mej el vin cald che l’acqua fresca”
Meglio il vino caldo che l’acqua fresca

27 “Fin che la düra la fa verdüra”
Finchè dura fa verdura

Religione

28 “El Signor el spèta minga el sabet a pagà”
Il Signore non aspetta il sabato a giudicare

29 “El Signor l’è de tüti”
Il Signore è di tutti

30 “Sant in gesa, diavul in cà”
Santo in chiesa, diavolo in casa

31 “Anca un magher campanin al dà pan e vin”
Anche la parrocchia più povera mantiene il parroco

32 “El diaul el fa la pignata ma no i cuèrc”
Il diavolo fa la pentola ma non il coperchio

33 “La farina del diaul la va in crusca”
La farina del diavolo va in crusca

34 “Schèrsa cui fant e lasa sta i sant”
Scherza con gli uomini e non con i santi

35 “Ogni ladron el gà la so devosion”
Ogni uomo, anche il peggiore, ha la sua devozione

36 “Pret e frà, cüràa e capelan, van d’acord cume gatt e can”
Preti e frati, parroci e cappellani vanno d’accordo come gatti e cani

37 “Dai cupp in sü se comanda pü”
Dalle tegole in su non si comanda più

38 “In paradis se va no in carossa”
In paradiso non si va in carrozza

39 “Ogni sant voeura la so candila”
Ogni santo vuole la sua candela

40 “Dio ved, Dio pruved”
Dio vede, Dio provvede

41 “Jütes che ‘l ciel t’ajüta”
Aiutati che il cielo ti aiuta

42 “Ognudün ‘l gha la so crus”
Ognuno ha la propria croce

43 “El Signor j’ a fàa e j cumpagna”
Il Signore li fa e li accoppia

44 “La regula la mantegn ‘l cunvent”
La regola mantiene il convento

45 “Quand che ‘l cü se früsta, l’anima se giüsta”
Quando il culo si frusta ,l’anima si aggiusta

46 “Se il Signur gardarisa i pecàa de braghèta
sarìss in paradis a sunà la trumbèta”
Se il Signore considerasse anche gli atti impuri come peccati
Sarebbe in paradiso da solo a suonare la trombetta

47 “Anca i prett sbaglien a dì mèsa
Anche i preti sbagliano a dir messa

Vita contadina

48 “Quand l’inverna l’è lung e non perduna,
anca la legna verda la diventa buna”
Quando l’inverno è lungo e non perdona,
anche la legna verde diventa preziosa

49 “Dudes gajin e un gall mangen ‘me ‘n cavall”
Dodici galline e un gallo mangiano come un cavallo

50 “A cavall dunà se guarda no in buca”
A cavallo donato non si guarda in bocca

51 “L’oeucc del padron ingrasa ‘l cavall”
L’occhio del padrone ingrassa il cavallo

52 “Marz sücc, vilan sciur”
Marzo asciutto, contadino ricco

53 “Se marz el dà l’erba, april dà la merda”
Se a marzo cresce l’erba (tanta pioggia), aprile da letame

54 “La vit che fiuris in april la impienisa no il baril”
La vite che fiorisce in aprile non riempie il barile

55 “Dis un vècc del nost villagg : paja e fen la ven in magg “
Dice un vecchio del nostro villaggio: paglia e fieno vengono in maggio

56 “A San Bernardin lassa stà i sparg e mangia i passarin”
A San Bernardino lascia perdere gli asparagi e mangia i passeri

57 “A San Peder, in del melgon se scunda un puleder”
A San Pietro (29 giugno) il granoturco può nascondere un puledro

58 “Dopo il quindes d’agust, lasset minga ciapà in del busc”
Dopo il quindici agosto non farti sorprendere nel bosco

59 “Agust, apèna sera l’è fusc”
Agosto si fa buio presto

60 “La lègna la scalda tre volt”
La legna scalda tre volte

61 “Per imparà a bestemà, porta i lègn desligà”
Per imparare a bestemmiare, porta la legna non legata

62 “Chi sumèna vent, regoj tempesta”
Chi semina vento raccoglie tempesta

63 “Quell che se sumena sa regoj”
Ciò che si semina si raccoglie

64 “Al vilan la sapa in man”
Al contadino la zappa in mano

65 “A Santa Madalena la nus l’è piena”
A Santa Maddalena la noce è piena

66 “Gajna che canta la faj l’oeuv”
Gallina che canta ha fatto l’uovo

67 “L’occ del padron ingrassa la bestia”
L’occhio del padrone ingrassa l’animale

68 “L’erba gramigna l’è dura a murì”
La gramigna è dura a morire

69 “Acquètta erbetta”
Acquetta erbetta

70 “Chi l’è che poeud minga picà el cavall pica la sèla”
Chi non può battere il cavallo batte la sella

71 “Padron comanda cavall trota”
Quando il padrone ordina il cavallo trotta

Salute
72 “Trumba du cü, sanità de corp”
Il peto è sanità per il corpo

73 “Chi mangia de benedett, el caga de maledett”
Chi mangia troppo raffinato, da maledetto (a stento) si libera

74 “A mangià pan e scigula el ventre non bruntula”
Mangiando pane e cipolla, la pancia non brontola

75 “Mej viv de malàa che murì de san”
Meglio vivere malati che morire sani

76 “Omm san el pisa ‘me ‘n can”
Uomo sano piscia come un cane

77 “Dumà l’oss del coll se poeu pü giüstà”
Solo l’osso del collo non si aggiusta più

78 “Foeura ‘l dent foeura il turment”
Fuori il dente fuori il tormento

79 “La scalmana fa la dona sana”
La caldana fa la donna sana

80 “Tuss d’estàa, diarea d’inverna se po’ cantà il requiemeterna”
Tosse d’estate,diarrea d’inverno si può cantare il Requiem Eterna

81 “Aria de fesüra la  porta a sepoltüra!”
Lo spiffero d’aria è pericoloso

82 “Va ben, va ben, l’han truàa tirent”
Va bene,va bene, l’han trovato stecchito

83 “Tusèta… cassèta”
Tossettina… Cassettina (bara)

84 “Finchè ghe fiàa ghe vita”
Finchè c’è fiato c’è vita

Le età della vita
85 “Quand che ‘l fioeu al và, el pader al vègna n’drè”
Quando il figlio va, il padre già torna indietro

86 “Sücc e melon a la so stagion”
Zucche e meloni hanno la loro stagione

87 “Brütt in fasa, bell in piasa”
Brutto da piccolo, bello da grande

88 “A sett ann s’è pütej, a settanta s’è ammò quej”
A sette anni si è bambini, a settanta si è ancora quelli

89 “Giujn uziùs, vècc bisugnùs”
Giovane ozioso, vecchio bisognoso

90 “Chi rid de giujn piang de vècc »
Chi ride da giovane piange da vecchio

91 “Se i giujn vurès e i vècc pudarès tanti robb se farès”
Se i giovani volessero e i vecchi potessero tante cose si farebbero

92 “S’è mai tropp vècc per murì”
Non si è mai troppo vecchi per morire

93 “De giujn na mörr tanti ma de vècc na scampa minga”
Di giovani ne muoiono tanti ma di vecchi non ne campa uno

94 “El vècc l’è stracc ma no stüff”
Il vecchio e stanco ma non stufo

95 “Na sa poeussè un vècc ‘ndurment che un giujn dersedà”
Ne sa di più un vecchio addormentato che un giovane sveglio

96 “Poeussè che vècc se diventa no”
Più che vecchi non si diventa

97 “De giujn in del buter de vècc in di penser”
Da giovane nel burro da vecchio nei pensieri

98 “Fjoeu se nas, fjoeu se mör”
Bambini si nasce,bambini si muore

99 “Beàa quel corp che se bagna de viv e de mort”
Beato colui che si sposa e muore con la pioggia

100 “De nuèll tutt’ cos l’è bell”
Da giovane tutto è bello

101 “ Ogni fjoeu nas cul so cavagnioeu “
Ogni bambino nasce con il suo bagaglio

102 “Mej scampà de vecc che murì de giujn”
Meglio campare da vecchio che morire giovane

103 “L’è vecc chi l’è che mör“
E’ vecchio chi muore

104 “La fruta serba la liga in buca”
La frutta acerba lega la bocca

Il tempo
105 “Russ de sera bel temp se spera”
Rosso di sera bel tempo si spera

106 “Quand’el sul se volta ‘ndrè l’acqua la bagna i pè”
Quando il sole si volta indietro, la pioggia ti bagna i piedi

107 “April una guta tuti i dì”
Aprile una goccia di pioggia tutti i giorni

108 “Tempural bergamasc, el bagna nanca i frasc”
Il temporale bergamasco (da est) non bagna nemmeno le foglie

109 “Sol sui palm, acqua sui ciapp”
Sole sulle Palme, acqua sulle chiappe (uova pasquali)

110 “A san Martin l’inverna l’è visin”
A San Martino (11 novembre) l’inverno è vicino

111 “A Sant’Ambroeus, el frecc al coues”
A Sant’Ambrogio il freddo cuoce

112 “La fioca desembrina per tri mes la te confina”
La neve di dicembre resiste per tre mesi

113 “Per cunuss l’inferna, bisogna fa el coeugh d’estàa
e ‘l carusèe d’inverna”
Per conoscere l’inferno bisogna fare il cuoco d’estate
ed il cocchiere d’inverno

114 “Dopo el di de San Matee, pochi bei dì ta vedarèe”
Dopo San Matteo (21 settembre) vedrai poche giornate belle

115 “El sol d’agost inganna la massera, el pret e l’ost”
Il sole d’agosto inganna la massaia, il prete e l’oste

116 “Se pioeuv a sant’Ana, pioeuv un mes e una settimana”
Se piove a Sant’Anna (26 luglio) piove per un mese ed una settimana

117 “D’Epifania el pèsèe gran frecc che ghe sia”
All’Epifania il maggior freddo

118 “A Natal l’è un pass d’un gall a Pasquetta, un’urèta”
A Natale le giornate si allungano del passo di un gallo,
all’Epifania di un’oretta

119 “ Da Natal a la vegeta l’è un’ urèta”
Da natale alla vecchietta è un’oretta

120 “Genar fa i punt febrar ja rump”
Gennaio fa i ponti febbraio li rompe

121 “Temp e cü fa quel che voeur lü”
Il tempo e il sedere fanno ciò che vogliono

122 “A Sant’Antoni fregg de demoni”
A Sant’Antonio (17 gennaio) freddo del demonio

123 “A San Sebastian fregg de can”
A San Sebastiano (20 gennaio) freddo da cani

124 “A la Madona d’la Zerioeula dell’inverno sem foeura
Ma se pioeuva, fioca o tira vent, dell’inverna sem dent”
Alla Candelora dell’inverno siamo fuori,
ma se piove nevica o tira vento nell’inverno siamo dentro

125 “Temp e cül, done e mül i fann a so möd“
Tempo e culo, donne e muli fanno a lore modo

Poverta’ e ricchezza
126 “Danèe fa danèe, pioeug fa pioeug, sempre pousè gross”
Soldi fanno fanno soldi, pidocchi fanno pidocchi, sempre più grossi

127 “’N’due ghen i vaan”
Dove ce ne sono vanno

128 “I danèe sa porten no ‘n d’la tumba”
I soldi non si portano nella tomba

129 “Il mund l’è mes de vend e mes de cumprà”
Il mondo è mezzo da vendre e mezzo da comprare

130 “Per pagàa e murì che sempre temp”
Per pagare e morire c’è sempre tempo

131 “Pansa piena la pensa no per quela voeuja”
Pancia piena non pensa per quella vuota

132 “Mej fa rabbia che pietà”
Meglio suscitare rabbia che pitetà

133 “Chi paga subit paga du volt”
Chi paga subito paga due volte

134 “A calà i spes crèsa l’entrada”
Diminuendo le spesa cresce l’entrata

135 “I danèe van spendùu”
I soldi vanno spesi

136 “Finchè che n’è viva Noè quand che n’è pü basum al cü”
Finchè c’è benessere viva Noè quando finisce torneremo umili

137 “Quand che n’è pù crepa l’asen e quel che che sü”
Quando non ce n’è più muore l’asino e chi lo cavalca

138 “Toeghen a chi piang, daghen a chi rid”
Togli a chi piange, dai a chi ride

139 “Un omm senza danèe l’è un mort che camina”
Un uomo senza soldi è un morto che cammina

Vita sentimentale
140 “Mej zerba che marsa”
Meglio troppo giovane che troppo vecchia

141 “Dona smorta dona forta”
Donna pallida donna forte

142 “Grand’ amur gran dulur”
Grande amore grande dolore

143 “Né dona né umbrell se ‘mpresten nanca al fradell”
Né la moglie né l’ombrello si prestano nemmeno al fratello

144 “Se l’è minga bon per il re l’è minga bon per la regina”
Se non è buono per il re non è buono per la regina

Arti e mestieri
145 “Ufelè fa ‘l tò mesteè”
Pasticciere fai il tuo lavoro

146 “Ogni magnàn vanta la sua bulgia”
Ogni stagnaro vanta la sua pignatta

147 “I sbagli di dutur van suta tera”
Gli errori dei medici finiscono sotto terra

148 “Fa e desfà l’è tütt laurà”
Fare e disfare è tutto lavoro

149 “Magütt el rumpa depertütt”
Il manovale rompe ovunque

150 “Chi costrüiss in inverna costrüiss in etèrna”
Chi costruisce in inverno costruisce in eterno

151 “Mür d’inverna mür d’inferna”
Muro d’inverno muro d’inferno

Proverbi vari
152 “Tira poeusè un pel de pota che cent cavaj che trota”
Tira più un attributo femminile che cento cavalli al trotto

153 “Chi volta ‘l cü a Milan volta ‘l cü al pan”
Chi ripudia Milano ripudia il pane

154 “La legur, sensa cur la sa ciapia a tüt’i ur”
La lepre, con pazienza, la si prende sempre

155 “Dumà i merla resten negher”
Solo i merli rimangono neri

156 “I mascher se fan a Carnevà”
Le maschere si fanno a carnevale

157 “Tre donn e un cò d’aj el mercàa l’è bèle faj”
Tre donne e una testa d’aglio e il mercato è già fatto

158 “Quand che piova guta i tecc”
Quando piove gocciolano i tetti

159 “Sant’angiulin lader e assasin”
Sant’angiolini ladri e assassini

160 “Via ‘l gatt bala i ratt”
Via il gatto i topi ballano

161 “Per gnent tra’ no la cua nanca i can”
Inutilmente non menano la coda nemmeno i cani

162 “La prima l’è di fioeu”
La precedenza è per i figli

163 “Quand l’om fa tera, la dona la sa fa bela”
Quando l’uomo fa terra (dal di sotto!!) la donna si fa bella

164 “Patt ciar amicizia lunga”
Patti chiari amicizia lunga

165 “I dutùr, spezièe e bechin, en nemis di meneghin”
I dottori, farmacisti e becchini son nemici dei meneghini

166 “Meji un asen viv che un dutur mort”
Meglio un asino vivo che un dottore morto

167 “Chi voeur cupà el so can troeva la scusa”
Chi vuole uccidere il suo cane trova il motivo”

168 “De cativ na và de pegg n’ariva”
Di cattivi ne vanno di peggio arrivano

169  “Spess chi un servizi al ga rendü vegn pagàa col pè ‘n’ del cü ”
Spesso chi ha reso un servizio viene ripagato a pedate

170 “Un pader mategn des fioeu, des fioeu mantegn no un pader”
Un padre mantiene dieci figli, dieci figli non mantengono un padre

171 “I busìi ghan i gamb cürt”
Le bugie hanno le gambe corte

172 “Voeuja de laurà saltum a’doss”
Voglia di lavorare saltami addosso

173 “Tant de foeura che de denter, i carogn i spusen semper”
Sia di fuori che di dentro le carogne puzzano sempre

174 “Dì vott quand l’è ‘n del sacc”
Contare otto quando è nel sacco

175 “Faja la legg truàa l’ingann”
Fatta le legge trovato l’inganno

176 “Sia ‘n del lüss che ‘n di miseri, l’ultima cà l’è ‘l cimiteri”
Sia nel lusso che nella miseria l’ultima casa è il cimitero

177 “A parlà de mèrda l’anima la se conserva”
Parlando di merda l’anima si conserva

178 “Per cumparì bisogna sufrì”
Per comparire occorre soffrire

179 “Quand la merda la munta ‘l scagn, o la spusa o la fa dann”
Quando la merda supera lo scanno, o puzza o fa danno

180 “In temp de guera chi sa trà in pè e chi sa trà in tèra”
In tempo di guerra c’è chi si arricchisce e chi va in miseria

181 “Fa’ un piasèe al vilan sa trova cagàa in man”
Far un piacere ad un villano ci si trova cagato in mano

182 “L’è mej un andà che cent andèm!”
E’ meglio andare che cento “andiamo!”

183 “Buna cera a tüti cunfidensa a nisün”
Buon viso a tutti e confidenza a nessuno

184 “Quand’ ariva la gloria se perd la memoria”
Quando arriva la gloria si perde la memoria

185 “L’ignuranza l’è pegg d’una malattia”
L’ignoranza è peggio di una malattia

186 “A pensà mal se fa pecàa ma sa ‘nduina”
A pensare male si fa peccato ma ci si indovina

187 “Amur de fratej amur de curtej”
Amore di fratelli amore di coltelli

188 “Per mangià buni buccuni, derva i’ ucialuni”
Per mangiare buoni bocconi apri gli occhioni

189 “La tropa cunfidensa fa perd la riverenza”
La troppa confidenza fa perdere il rispetto

190 “Roba cara e donn brütt se troven dapertütt”
Roba cara e donne brutte si trovano ovunque

191 “Se ricunuss poeusè un busard che un sopp”
Si riconosce di più un bugiardo che uno zoppo

192 “A parlà pocc se sbaglia mai”
A parlare poco non si sbaglia mai

193 “A perdunà al cativ se fa tort al bon”
Perdonando il cattivo si fa torto al buono

194 “I omm e i turtej jen sempre bej”
Gli uomini e i tortelli son sempre belli

195 “Ludesan larg de buca strett de man”
Lodigiani larghi di bocca stretti di mano

196 “Fin che la va la gha i gamb”
Finchè va ha le gambe”

197 “Scua vegia la va cambiada”
La scopa vecchia va cambiata

198 “A parla tropp se parla per gnent”
Parlando troppo si parla a sproposito

199 “La culpa l’è una bèla dona ma nisün voeura spusala”
La colpa è una bella donna ma nessuno vuole sposarla

200 “Quand vün l’è fortünàa, el se pisa adoss e ‘l dis che l’è südàa”
Quando uno è fortunato si piscia addosso e dice che è sudato

201 “La prima la sa perduna, la seconda se bastona”
La prima volta si perdona, la seconda si bastona

202 “Andà se lèca a sta se sèca”
Muovendosi si guadagna, a star fermi si secca

203 “Murì in crus per salvàa l’anima”
Espiare

204 “Sul poussè bel cagàa, finiss la merda”
Il divertimento finisce sul più bello

205 “El mund l’è bèll perché l’è vari”
Il mondo è bello perché vario

206 “Amis de capèll amis de curtèll”
Amico di cappello amico di coltello

207 « Can mucc riva prest la cua”
Se il cane è corto si arriva presto alla coda

208 “A mangià la candila se caga el stupin”
Se mangi la candela evaqui lo stoppino

209 “A ca’ sua vün se scalda el cü e la cua”
A casa propria ognuno fa quello che vuole

210 “Denti rari fortüna spèssa”
Dentatura spaziata fortuna frequente

211 “Chi l’è i difett l’è in suspett”
Chi è in torto è sospettoso

212 “Chi l’è che gha giudisi che la dröva“
Chi ha giudizio lo usi

213 “La meraviglia la düra tri dì”
La meraviglia dura tre giorni

214 “La roba piccinina la sta ben in vedrina”
La roba piccola sta bene in vetrina

215 “Var minga cur ma rivàa in temp”
Non conta correre ma arrivare in tempo

216 “La roba del cumün l’è roba de nisün”
Le cose comuni sono cose di nessuno

217 “El poussè bun di russ l’ha traj so pader in del puss
Il più buono dei rossi (di capelli) ha buttato suo padre nel pozzo

218 “La gata füria la fa i gatin orb“
La gatta che ha premura fa i gattini ciechi

219 “L’è no tütt or quel che lüsiss“
Non è tutto oro ciò che luccica

220 “Var poeussè la pratica che la grammatica”
Vale più la pratica che la teoria

221 “La giüstisia e i presòn jen fai per i cujon”
La giustizia e le prigioni sono fatte per i coglioni

222 “Una lavada e una sügada la par nanca duperada“
Una lavata e una asciugata e non sembra nemmeno usata

223 “Lengua in buca a Ruma se va”
Chiedendo informazioni si arriva a Roma

224 “Pacià el paciota, bev el bevota l’è a laurà che ‘l barbota”
Per mangiare mangia, per bere beve è per il lavoro che borbotta

225 “La roba mola la sta minga in pè”
La roba molle non sta in piedi

226 “Pütost che quater pass mej vün bèl dür!“
Piuttosto che quattro passi meglio uno ma bello duro

 

di Raphael Pallavicini Inviato su Lombardia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...