Aiutarli a ricostruire i propri Paesi

Ma senti che razzista, che fascista, che nazista che leghista questo:

Se guardiamo in faccia ogni singolo rifugiato, in particolare i bambini e le donne, sentiamo la loro sofferenza (…) Ora ce ne sono troppi. L’Europa, ad esempio la Germania, non può diventare un Paese arabo. La Germania è la Germania. (…) ce ne sono così tanti che nella pratica diventa difficile (…) dal punto di vista morale questi rifugiati dovrebbero essere accolti solo in via temporanea. L’obiettivo dovrebbe essere quello di farli ritornare e aiutare a ricostruire i propri Paesi.

Che ha scovato toscanoirriverente…. e poi scopri che nientepopòdimeno che il Dalai Lama. Ed io non posso fare a meno di notare che questo stesso identico concetto lo ha già espresso papa Benedetto XVI e un certo varesotto che chiamavano Senatür e girava in canottiera.

Sì: “aiutarli a casa loro”!

Certo, papa Ratzinger lo diceva da intellettuale già nel novembre 2012:

“Nel contesto socio-politico attuale, però, prima ancora che il diritto a emigrare, va riaffermato il diritto a non emigrare, cioè a essere in condizione di rimanere nella propria terra”

Più precisamente, lo diceva nel messaggio per la 99ma Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, domenica 13 gennaio 2013, sul tema “Migrazioni: pellegrinaggio di fede e di speranza”.

Adesso però visto che il Dalai Lama dice una cosa tradotta con “aiutare a ricostruire i propri Paesi” mi aspetto che gli diano del bavoso razzista anche a lui.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...