Palindromi (#IoVotoNo 3)

Certo che le truppe cammellate1 di Lenticchia-Renzie han proprio l’apparato digerente palindromo2. Già perché ci vuole una bella faccia tosta3 a titolare

Parità di genere: la riforma costituzionale compie uno storico passo avanti

La parità tra uomo e donna è già stabilita dalla Costituzione, pistola! È nell’articolo TRE, mica in un comma secondario.

E le modifiche che volete fare voi non cambiano di fatto nulla.

Come faccio a dirlo? Provate a consultare https://github.com/rapall/costituzione dove l’anima volenterosa di Paolo Montrasio si è messa di buzzo buono per confrontare la costituzione prima e dopo lo scempio che ne vorrebbe fare Renzie. Colà potete comodamente leggere le differenze tra i testi dell’attuale Costituzione e di quella che sarà sottoposta a referendum confermativo. https://github.com/pmontrasio/costituzione/commit/002de456397d30f8591103ce1ea31664af90023e In rosso la versione attuale, in verde la nuova. I segni – e + a inizio riga indicano cancellazioni ed aggiunte.

  1. la parola “genere” non figura!
  2. la parola “parità” è usata tre volte. In un caso con altro significato e poi in

    Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che impedisce la piena parità degli uomini e delle donne nella vita sociale, culturale ed economica e promuovono la parità di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive.

    ma miei cari minus-habens, codesta modifica è perfettamente inutile perché già c’è l’articolo 3 che è CHIARISSIMO. Visto che siete minus-habens, ve lo ripropongo qui, ripreso dal sito del governo:

    Art. 3
    Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

    che se permettete ha portata ed effetti assai più vasti della mostra meschina polemicuccia sul fatto che non ci sono abbastanza deputate.

Quando una modifica non è necessaria scatta la domanda: “cui prodest?

Ve lo dico io a chi giova. È uno dei tanti grimaldelli che Renzie (o i suoi manovratori) desiderano per poter bloccare qualsiasi legge regionale a lui sgradita. Ossia schiacciare qualsiasi anelito di libertà dei vari popoli soggiogati all’italico stato, ossia per annullare di fatto la sovranità dei vari popoli.

Matteo Renzi alias Lenticchia: come non notare delle lombrosiane similitudini?

C’è una proposta di legge regionale che non mi piace! Ed io la blocco con la scusa che non garantisce la parità di genere!

Quindi è un’altro, ottimo motivo per dire

#IoVotoNo

Quando le modifiche sono inutili e ridondanti NON servono. E quindi non devono essere fatte!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...