Bel Paese di merda, La rete evanescente, La storia si ripete

Amministrative 2017 (Don Camillo e Peppone 2017)…

Annunci

7 pensieri su “Amministrative 2017 (Don Camillo e Peppone 2017)…

  1. “Sul” paese si tengono le elezioni? “Al” paese mieteva successi? E un simile analfabera si permette di profanare un grande autore come Guareschi?! Se poi aggiungiamo che Peppone oggi è più o meno fra i 100 e i 105 anni…
    Al secondo capoverso mi sono dovuta fermare, perché la mia ulcera si è violentemente ribellata. Davvero un autentico abominio, neanche un bambino diterza elementare riesce a scrivere peggio.

    Mi piace

    1. Ci sono molti passaggi di Guereschi che suonano così. Per tua sfortuna grep scorre potente nelle mie vene:

      «Che mi pestiate i calli al paese, passi» disse Peppone «ma che veniate a pestarmeli anche a Milano è troppo!»
      «Che tu mi sia sempre tra i piedi al paese, passi» replicò calmo don Camillo «ma che tu venga a impicciarmi la strada anche a Milano è troppo!»


      Il Tofini vecchio era un uomo nato per la polemica; dopo lunga meditazione scaraventò una zampata sulla tavola e disse: «Dunque: al paese vogliono lo scandalo? Vogliono di-
      vertirsi alle nostre spalle? Vogliono addolcire l’animaccia loro con l’amaro nostro? Benissimo: li serviamo noi….

      Intanto, giù al paese in riva al fiume grande, non succedeva niente di grosso, però succedevano tante piccole cose strampalate che avrebbero fatto dispiacere anche a don Camillo, se mai le avesse sapute.

      A venticinque anni Giosuè Bigatti non sopportò più il fatto che al paese tutti lo chiamassero Pitaciò e andò a lavorare in città.

      E mi fermo. Quanto all’età, stiamo parlando di personaggi immaginari. Il Mondo Piccolo è di fatto una favola moderna. E tu, un minimo, ma solo un minimo, di sospensione dell’incredulità potresti applicarla. Tanto più che è Guareschi stesso a scrivere:

      Quando rileggo questa pagina del notaio Francesco Luigi Campari, mi sembra di diventare un personaggio dellafavola che egli racconta, perché io son nato nella villa «aprica e sparta».
      Il piccolo mondo del Mondo piccolo non è qui però: non è in nessun posto fisso: il paese di Mondo piccolo è un puntino nero che si muove, assieme ai suoi Pepponi e ai suoi
      Smilzi, in su e in giù lungo il fiume per quella fettaccia di terra che sta tra il Po e l’Appennino: ma il clima è questo. Il paesaggio è questo: e, in un paese come questo, basta fermarsi sulla strada a guardare una casa colonica affogata in mezzo al granturco e alla canapa, e subito nasce una storia

      Mi piace

      1. Non ci posso credere. Dimmi che ho le traveggole. Dimmi che non è vero che “pestare i calli al paese” per te è uguale a “al paese mieteva successi”. E se è vero che per te sono uguali, dimmi che non è vero che ti hanno promosso alla licenza elementare. Non ci posso credere, E’ davvero superiore alle mie forze. Non ce la faccio.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...