Pubblicato in: Sio-che-cosa?

5000 missili

Voglio riproporvi qui (e quindi salvare qui, che oramai la censura faccialibrica la conosciamo) questo pezzo (del 14 luglio 2018) di Alessandro Pecoraro. Ricordatevi queste cifre:

  • Cinquemila missili in 13 anni.
  • 15 secondi per mettersi in salvo.
  • Ottocento camion al giorno di aiuti umanitari al giorno da Israele a Gaza, anche quando Gaza attacca Israele.
  • Zero, ripeto zero camion dall’Egitto.

Questo è il mio telefono con le notifiche dell’app di allarme antimissile che ho installato in Israele. È tutto il pomeriggio che suona anche mentre sto scrivendo questo post (e se continua così dovrò toglierla altrimenti butto il telefono fuori dalla finestra). Se ti arriva una notifica con indicata la zona dove sei tu devi correre subito al riparo. In media hai circa 15 secondi prima che il missile cada. 15 secondi per prendere la tua famiglia, i tuoi figli e andare nel rifugio più vicino, di solito quello di casa tua o se casa tua non lo ha o se in giro nei rifugi pubblici più vicini. Dal 2014 quasi tutti i missili per fortuna sono intercettati dal sistema Iron Don, questo non toglie che nulla è infallibile. Lo hanno sperimentato qualche tempo fa dei bambini di una scuola materna colpita da un razzo… per loro fortuna non erano presenti, altrimenti sarebbe stata una strage. Purtroppo però i media occidentali non de sanno notizia, tranne quando Israele risponde al fuoco, dando così l’idea che sia Israele a provocare lo scontro e non il contrario. Vi riporto le parole del mio amico Italo israeliano Roberto Della Rocca rappresentante del partito Meretz, l’equivalente israeliano di SEL o Liberi e Uguali, a sinistra dei laburisti, a sinistra di Rabin e Peres, in Italia Berlusconi lo avrebbe definito uno sporco comunista tanto per capirci. Leggete cosa cosa vi dice Roberto

“L’attuale giro di violenza nella striscia di Gaza in 10 frasi:

  1. La striscia e’ sotto controllo di Hamas al 100% gia’ da 13 anni dopo che gli Israeliani si sono ritirati da tutto il territorio.
  2. Invece di investire in sovrastrutture, welfare e lavoro, Hamas ha distrutto quello che gli Israeliani avevano lasciato e investe i miliardi che vengono dall’estero in razzi, tunnel, addestramenti militari nonche’ per far fare la bella vita a una ristretta cerchia di corrotti adetti ai lavori diventati milionari sulle spalle del popolo.
  3. Prima di Hamas esisteva un areoporto, era stato progettato un porto commerciale e 80 mila operai passavano giornalmente la frontiera con Israele per lavorare.
  4. Da quando Hamas ha il controllo sono stati sparati piu’ di 5000 razzi su Israele, di varie gittate, la stragrande maggioranza su insediamenti civili, 27 morti civili israeliani piu’ svariati soldati e anche cittadini stranieri.
  5. In risposta alla violenza Israele ha chiuso le frontiere, a parte casi umanitari, diplomatici e 800 autocarri giornalieri di prodotti per mantenere la popolazione (L’Egitto, che potrebbe fare altrettanto, tiene chiuso il valico da un decennio). Il flusso di camion continua anche durante le regolari crisi militari.
  6. La popolazione palestinese non ne può più ma non può rivoltarsi (regime totalitario islamico), qualche migliaio di disperati, su quasi due milioni di abitanti, pagati da Hamas, vengono a sfogarsi al confine ogni venerdi’ da qualche mese.
  7. Da due mesi migliaia di aquiloni e palloni incendiari sono stati lanciati da Gaza, sfruttando i venti a favore, sulle città e campagne israeliane, creando danni per decine di milioni di euro e bruciando piu’ di duemila ettari di terreni coltivati, boschi e giardini. Non esiste ancora una risposta tecnologica valida per fermare questa ondata piromanica.
  8. Ieri, dalla “pacifica” folla di dimostranti, e’ partita una bomba a mano che ha ferito un ufficiale israeliano che stava dall’altra parte del confine, qualche ora dopo un ragazzo di 15 anni che stava attraversando il confine, nonostante il divieto tassativo e i ripetuti avvertimenti, e’ rimasto ucciso.
  9. Stanotte, in risposta alla bomba a mano, l’aviazione ha colpito obbiettivi militari (vuoti) nella striscia. In risposta Hamas ha mandato, fino a 5 minuti fa’, piu’ di 130 razzi e bombe di mortaio, rigorosamente su obbiettivi civili.
  10. L’Egitto, che se potesse raderebbe al suolo la striscia di Gaza, visto l’appoggio dato dai leader islamici nella striscia al movimento “fratelli mussulmani” contro El-Sisi, sta’ tentando di convincere Hamas di smettere per evitare un peggioramento della situazione (e sperando che gli Israeliani distruggano la striscia al posto loro).
  11. A parte cio’ tutto bene, madama la marchesa. Se Hamas avesse scelto la strada della pace 13 anni fa’ oggi Gaza sarebbe fiorente, accogliente e con frontiere aperte 360 gradi.”
Annunci

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

Un pensiero riguardo “5000 missili

  1. Purtroppo, come capita per i migranti, molti sposano acriticamente la narrazione che racconta i cattivi, cattivissimi da una parte e i buoni buonissimi dall’altra.
    Poi se hai dei morti diciamo semi-innocenti* da usare contro i cattivi è una libidine…
    La cosa triste è che a molti non interessa che la situazione si risolva, interessa poter continuare con il teatrino, indossare sciarpe e bruciare bandiere per sentirsi tanto buoni e, per proprietà transitiva, sentirsi eroici partigiani che lottano contro l’oppressore senza però correre alcun rischio di farsi male…

    *i bambini non hanno colpe, chi li manda deliberatamente a morire per poter usare il loro cadavere come arma mediatica invece ne ha di gravissime.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.