Pubblicato in: Islamicamentendo, Sottomessi e sanguinari

L’albero si giudica dai frutti

24 settembre 622
Maometto completa la sua Egira (migrazione) da Mecca a Yatrib, che diventerà “Madinat an-Nabi” la città del Profeta, ovvero Medina.
Evento capitale per la storia del mondo quanto la crocifissione di Gesù Cristo.
Inizia l’era musulmana.

Lucifero, significa “colui che porta la luce”. È l’angelo caduto perché si è voluto sostituire a Dio.
Ritengo che non sia un caso che “allah” fosse il nome del dio della luna meccano. La luna riflette la luce del sole. Quindi porta la luce.

Io sono convinto che chi sussurrava ad entrambi gli orecchi di quello che i musulmani chiamano “l’uomo perfetto”, ossia maometto, citato fosse proprio Lucifero, ossia il Maligno.

Si vede dai suoi frutti.

Perché sì, Satana esiste. Ed è ingannatore. Glielo ha anche sussurrato, vedi sure 3:54, il 7:99 e l’8:30 (ne ho già scritto brevemente e lo ha fatto più estesamente Islamicamentendo in «La carriera di Allah: da ingannatore in arabo, a stratega in italiano»).

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.