Pubblicato in: Sottomessi e sanguinari

Una piccola prece

Avrei una piccola richiesta per i miei quattro lettori: un tale ha iniziato a spargere quelle che ritengo falsità sotto forma di commenti nell’articolo «In islam le donne sono oggetti». Mi fareste la cortesia di aiutarmi a confutare le sue scempiaggini maomettane? Ma in punta di citazioni bibliche o con ragionamenti forbiti. Evitate insulti. Le fallacie ed i trucchetti retorici – i “tu quoque”, gli uomini di paglia, i pendii scivolosi eccetera – lasciamoli a lui che ha già mostrato di prendermi per fesso.

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

6 pensieri riguardo “Una piccola prece

  1. quando si parla di religioni, ossia di roba che qualcuno, per avere potere, ha dichiarato di essersi sentito dire da dio in persona, più o meno tutto sono fallacie e trucchetti retorici.

    "Mi piace"

    1. È una visione estremamente semplicistica, da sociologia spicciola anni ’70.
      Le neuroscienze cognitive stanno studiando il tema del sentimento religioso come funzione mentale da un 30ennio (vedasi in lingua italiana “Nati per credere” di Girotto, Pievani e Vallortigara dell’Università di Trento) ed i risultati vanno in una direzione decisamente diversa dal raccontino stile UAAR che abbiamo sentito tante volte.
      Lo stesso Dawkins (ateo da guerra) riconosce l’origine e la funzione evolutiva del sentimento religioso come parte del funzionamento della scimmia uomo.
      Sul fatto che *tutte* le religioni siano fatte di fallacie e trucchetti retorici è un altro svarione: ci sono religioni in cui lo spazio dialettico è assente, non esiste alcuna retorica. In altre, si è speso un mezzo millennio ad argomentare secondo i principi della logica il sottostante teologico, tant’è che il superamento è avvenuto negando la cornice metafisica, perché la teologia era ormai inattaccabile. Altre ancora espongono una metafisica che rifiuta il principio di identità, risultando difatto al di fuori di qualsiasi agone retorico.

      Dico questo da ateo, non battezzato, mai fatto catechismo, figlio di due persone che hanno visto una messa solo per la morte degli zii cattolici. Ma derubricare la religione ad una semplice questione di pouvoir pour le pouvoir è una cagata postmarxista.
      Del resto, niente al di là del BDSM e dei sergenti maggiori dell’esercito è potere fine a sé stesso. Con buona pace di Foucault e dei costruttivisti.

      "Mi piace"

          1. tutto il testo della risposta è fatto di artifici retorici, che vanno dallo straw man al principio di autorità, passando per il tradizionale “io sono X, ma…” e pure andando vigorosamente fuori tema con la storia del potere fine al potere, e con la menzione di un testo che, con il discorso, non ci becca una fava.

            "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.