Pubblicato in: Facce da gluteo, Rosso-bruno, Sinistro

Lapis rossoblu

Oggi ho scritto questo toot su Mastodon:

Nelle reti sociali, #CondividereNonSignificaSottoscrivere
In social networks #SharingIsNotEndorsing
#RepetitaIuvant

Vi è poi chi ritiene che condividere post diffamatori rende responsabile penalmente. Oibò, costui è sempre ansioso di dirmi che “scrivo cazzate”; per lui “Se condividi sei responsabile“. Continua sostenendo che quando si ripropone qualcosa su Facebook loro concludono che tu lo abbia sottoscritto.

Poniamo il caso di “un tipo comunista” che condivida materiala “fascista” con commenti tipo “guardate che schifezza”. Se vale la tesi “Se condividi sei responsabile” allora “il tipo comunista” sarebbe responsabile di quello che condivideva, anche se commentava “guardate che schifezza”, anche se riproponendolo si dissociava e lo denunciava come “fascista”.

Mi chiedo quindi:

Se vale il “Se condividi sei responsabile” come si fa ad esercitare il diritto di critica e quello di cronaca?

Mi pare ci sia un palese corto-circuito logico.

Probabilmente credo che questo sia un caso da “Lost in translation”, ossia di fraintendimenti per differenti semantiche dei termini: mi sembra infatti che “sharing” per come viene inteso quando è usato nelle reti sociali più diffuse (#FB e #Twitter) credo andrebbe tradotto con “riproporre” e non come “condividere”.

E tutti i quelle che farciscono la loro bocca di anglismi malamente branditi credo non coglieranno la cosa. Il prossimo che mi dice che il linguaggio non influenza il pensiero lo prendo a pesci in faccia (vedi presempio Il linguaggio influenza il pensiero? – Riflessioni.it e l’ipotesi di Sapir-Whorf).

Sono sicuro che il mio prof. di latino brandendo il lapis rossoblu lo avrebbe considerato “errore blu”, perché in italiano “condividere” implica un avallo che non sussiste quando la riproposizione è fatta a scopo di critica o di stigmatizzazione.

PS: vi chiederete perché ne parlo qui anziche su Mastodon. Perché ritengo assai più probabile di essere censurato e cancellato colà che qua.

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

5 pensieri riguardo “Lapis rossoblu

  1. “condividere” non significa avallare il contenuto che stai condividendo perché potresti stare esercitando il diritto di critica o cronaca è un gran bell’esercizio di paraculismo, perché quelli sono tutti casi completamente e perfettamente ovvi.

    ma non è il caso comune del “condividere” nella tradizione facebook, nella forma di una copia palese ed acritica (arrivando fino al leggendario “non usare condividi, fai copia e incolla”, che alimenta l’illusione di rendere difficile “censurare” il contenuto – ma serve, invece, principalmente a nascondere l’autore originale).

    "Mi piace"

    1. Va bene ne convengo, ma chi mi accusava mi sembrava sostenesse che ogni tipo di riproposizione, anche a scopo di critica fosse assimilabile ad un avallo.
      Anche il caso del fascista rosso che dava del fascista al fascista nero.
      Se non puoi riproporre qualcosa per criticarlo – cosa per esempio espressamente permessa dalla legislazione sul diritto d’autore – come arazzo fai a criticarlo? Potrebbe sempre dire che hai estrapolato a scopo diffamazione. Invece riportare l’esternazione altrui nella sua interezza ti mette al riparo da tali fattispecie (mi, gnomo, scrivo come un avvocato!)

      "Mi piace"

      1. il punto di “se condividi sei responsabile” non è che non puoi riproporre e criticare: la tragica disonestà intellettuale di chi vorrebbe far passare questa cosa è totalmente ovvia. se condivido tre pagine di roba e ci scrivo sotto “che cazzata”, non è diritto di critica, certamente non più che scriverci sotto “che genialata” o non scriverci niente proprio.

        "Mi piace"

        1. parlavo appunto di questo genere di paraculismo. con la scusa che lo strumento non è all’altezza, pubblico per “diritto alla critica” o non critico affatto. con il risultato (involontario o altresì) di essere frainteso sul mio “non avallo”.

          "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.