Pubblicato in: Bel Paese di merda, Complottismo

L’anno che verrà ai tempi della “Nuova normalità”

Impietoso ed un po’ cinico questo «L’anno che verrà ai tempi della “Nuova normalità”», l’ultimo articolo di Massimo Coppolino Miglioverde.

Leggetelo. E poi salvatelo sui vostri dispositivi. O meglio ancora stampatelo e fatelo leggere a qualcuno dei personaggi descritti nell’articolo.

Speriamo si sbagli. Speriamo sia solo catastrofista. Visto il livello di deficenza di molte persone che incontro temo sia ahimè piuttosto verosimile.

Io me lo son salvato ma a scanso d’equivoci l’ho anche fatto archiviare su archive.is.

E visto che non crederanno, mandatevi una PEC con marca temporale oppure ancora stampatene una copia e ve la auto-inviate per posta fisica, così avete una data certa.

Nel frattempo il mio invito è di usarlo come libello e farlo leggere. E magari abbonatevi anche a Il Miglio Verde che male non fa!

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

6 pensieri riguardo “L’anno che verrà ai tempi della “Nuova normalità”

  1. nato come sito “politico” e poi lentamente degenerato in una collezione di deliri complottisti. nella sezione “covid-19” contano già una nutrita serie di “articoli” invecchiati malissimo. (e nelle altre sezioni pure).

    "Mi piace"

    1. trovo particolarmente affascinanti gli articoli che parlano di come i numeri del contagio sarebbero fasulli. a fronte dell’attuale situazione, quanto meno. perché i numeri sono sostanzialmente consistenti scala mondiale. di conseguenza, l’affermazione che siano falsati implica una cospirazione di scala planetaria trasversale a ideologie, religioni, politica ed alleanze economico/militari.

      "Mi piace"

  2. a dire il vero praticamente tutte le notizie si sono provate cagate tremende.

    https://www.miglioverde.eu/svizzera-influenza-2015-peggiore-del-covid/ la svizzera è messa peggio dell’italia.

    https://www.miglioverde.eu/israele-il-vaccino-sperimentale-causa-40-volte-piu-morti-che-il-covid/
    in israele, dopo il vaccino, il covid è stato praticamente debellato, i morti per covid sono sui sei-settemila, quaranta volte di più sarebbero 240-280 mila, a fronte di una popolazione di una decina di milioni, ci sarebbero i mucchi di morti per strada.

    https://www.miglioverde.eu/covid-vaccini-e-i-dati-preoccupanti-degli-effetti-collaterali/ ovviamente cazzate, a fronte di settecento milioni di somministrazioni. anche il vaccino peggiore (az) ha fatto una percentuale di effetti collaterali microscopica, roba che al confronto, anche la borocillina è come la chemio.

    sfogliando gli articoli, in realtà, è difficile trovarne che non siano plateali cazzate.

    "Mi piace"

    1. Vaccino sperimentale? In Israele?
      Ma in Israele non hanno usato il vaccino Pfizer? Che, per inciso, hanno fatto anche a me (a me ha solo intorpidito un po’ il braccio).
      Non credo il Pfizer fosse più sperimentale neppure quando in Israele hanno varato la campagna vaccinale a tappeto.

      "Mi piace"

    2. credo che, per sperimentale, intendano qualsiasi cosa che non sia comparsa per anni sulle principali riviste scientifiche di riferimento (la gazzetta dello sport e novella 2000).

      pure io ho fatto pfizer, ed ho avuto addirittura una di quelle che sono definite “reazioni gravi“, ossia rossore e gonfiore diffuso. e sono sopravvissuto per ricevere la seconda dose.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.