Pubblicato in: Cina

Francia: ‘uiguri sfruttati’,inchiesta su 4 big abbigliamento

Sempre a proposito di delocalizzazione

La giustizia francese ha aperto un’inchiesta per “occultamento di crimini contro l’umanità” neiconfronti di quattro colossi dell’abbigliamento accusati di sfruttare il lavoro degli uiguri, inCina. (ANSA)

Francia: ‘uiguri sfruttati’,inchiesta su 4 big abbigliamento – Ultima Ora – ANSA

Segnateveli i nomi:

  • Uniqlo,
  • Inditex:  marchi Zara, Bershka, Massimo Dutti,
  • SMCP: marchi Sandro, Maje, de Fursac ed altri
  • il produttore di scarpe sportive Skechers

Grazie al Cielo non ho mai acquistato da costoro.

Infatti da un annetto la prima cosa che guardo è dove è fatto. Se è fatto in Cina mi ritraggo inorridito. Qualsiasi cosa, ma non “Made in China”. Ed arrivo perfino a preferire il “Made in Germany”. E sapete che anni addietro mi ero riproposto di non acquistare più merci tedesche.

Sappiamo che i cinesi schiavizzano le persone nelle loro fabbriche. Acquistare merci prodotte in Cina ci rende complici!

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

Un pensiero riguardo “Francia: ‘uiguri sfruttati’,inchiesta su 4 big abbigliamento

  1. volendo essere cinici, tutti quelli che possono, schiavizzano i loro dipendenti. e quando non gli riesce più di farlo in patria, lo fanno all’estero. (oppure importano gente da schiavizzare, vedi la prestigiosa filirea dell’agroalimentare italiano).

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.