Pubblicato in: Bel Paese di merda

Paradossi

Il 60% dei ricoverati è vaccinato. Fonte: Repubblica, via Giuseppe Sandro Mela

E detta così parrebbe mettere una pietra tombale sulla questione efficacia. Peccato che pochissimi minuti dopo ha corretto la frase invertendo le percentuali, ossia che i non vaccinati, circa ⅓ della popolazione contribuisce al 60% dei ricoveri mentre i vaccinati, ossia i ⅔ della popolazione per il restante 40%. Due divisioni e verrebbe fuori che il vaccino riduce a circa ⅓ la probabilità di finire all’ospedale per Covid.

Pivelli gli inglesi verrebbe da dire leggendo questi articoli di quotidianosanita.it:

Ne parlavo con la mia dolce metà la quale è assai più disillusa del sottoscritto. Infatti mi ha subito chiesto “Come fai a sapere che i dati non sono taroccati, visto quel venivano classificati i casi-Covid? mettiamo il caso di uno schiatta per crisi renale. Se è vaccinato magari il medico ritiene inutile fargli il tampone. Se invece non è vaccinato subito a fargli il tampone, così se schiatta per blocco renale viene invece classificato come morto covid senza vaccino.”

Oh certo, così è facile farsi dare del complottista. Inoltre oramai tutti sappiamo che con la statistica di può abilmente giocare coi numeri. Orsù, vediamo di non fare il complottista.

Partiamo chiedendo alla papera: “Ma un vaccinato è contagioso”? E quella mi risponde di leggermi l’articolo «Dopo il vaccino non si è contagiosi» della Fondazione Veronesi, mica il blog di un complottista qualunque (archiviato su https://archive.is/zneaL). Colà leggiamo:

Il messaggio della comunità scientifica è chiaro e unanime: chi si sottopone a vaccinazione non è contagioso per la malattia per la quale si è vaccinato. Questo è valido per tutti i vaccini, anche per quelli realizzati con virus attenuati. L’unica rarissima eccezione è data dal vaccino per la varicella. In 30 anni di utilizzo si sono registrati soli 9 casi di contagio su milioni di dosi somministrate. 

Benissimo! Passiamo quindi alla seconda domanda: “il vaccinato Covid è contagioso?”. E qui iniziano i dolori. Perché passi https://www.money.it/covid-i-vaccinati-sono-contagiosi e https://tg24.sky.it/salute-e-benessere/2021/07/20/covid-vaccinati-positivi-contagiosi-quarantena ma la stessa fonte di prima, la fondazione Veronesi Covid-19: dopo il vaccino ci si può ancora infettare

La protezione cresce già dopo la prima dose. Ma il rischio di contagiarsi rimane anche dopo aver completato la vaccinazione. Escluse le forme gravi di Covid-19….
….
Questo vuol dire che, anche dopo la doppia vaccinazione, c’è una quota di persone che può ammalarsi, una volta entrata in contatto con il virus. Non è una certezza, ma una probabilità, che può riguardare all’incirca il 10 per cento di coloro che sono stati immunizzati con un vaccino a mRna e una quota compresa tra il 30 e il 40 per cento delle persone che avranno ricevuto la doppia dose del vaccino sviluppato da AstraZeneca
….
Potenzialmente, a fronte di un milione di vaccinati, centomila persone potrebbero dunque contrarre l’infezione. E, a loro volta, alimentare ulteriori contagi.

Credo che nessuno possa sostenere che quelli della fondazione Veronesi siano degli incompetenti. Però a me il dubbio rimane: quale dei due articoli della fondazione Veronesi devo considerare autorevole? Quello dove si dice che i vaccini impediscono il contagio o quello dove scrivono che i vaccinati covid sono contagiosi?

Diamo per buono che siano entrambi veritieri. Logica impone che se entrambi gli articoli son veritieri allora i cosiddetti vaccini covid sarebbero poco efficaci. Questo spiegherebbe anche fatti come il focolaio a bordo della Queen Elisabeth o quello sulla nostrana Amerigo Vespucci.

A tutti questi dati oggettivi che mi fanno sorgere più di qualche dubbio dubbiamo poi aggiungere altre due questioni: gli effetti indesiderati e l’arrivo di cure approvate dall’AIFA.

Partiamo dalla questione effetti indesiderati. Ne ha scritto Gianluigi Paragone in Ecco perché il vaccino ai giovani è più pericoloso del Covid: basta leggere i dati che ci propone queste due infografiche

La conclusione mi pare palese e non starò qui a tediarvi. Dico solo che 1,5‰ non è affatto trascurabile.

Infine stanno davvero per arrivare le cure ufficialmente approvate. Dall’AIFA, mica da un complottista qualunque (vedi “Covid, 5 nuovi farmaci in arrivo. Ma perché nessuna traccia delle cure domiciliari?” e “Cinque cure a settembre. E il vaccino traballa“. Voglio sottolinearvi l’apertura di quest’ultimo:

I primi farmaci riceveranno l’autorizzazione dell’Europa in autunno. Il loro arrivo mette in dubbio il futuro dei preparati, approvati in via emergenziale perché mancavano alternative. Ora l’Ema potrebbe sospenderli e ordinare di riprendere la sperimentazione.

Una volta approvati i primi farmaci darà l’unico motivo per permettere l’uso di massa di un farmaco sperimentale: la mancanza di una cura.

A ciascuno lascio trarre le sue conclusioni.

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

2 pensieri riguardo “Paradossi

  1. il primo articolo della fondazione veronesi non dice che se se ti vaccini non puoi diffondere la malattia. dice che IL VACCINO NON CAUSA CONTAGI. parole testuali: “La tesi è la seguente: poiché il vaccino del morbillo è del tipo vivo attenuato, sono stati i vaccinati a diffondere la malattia. La tesi, totalmente infondata, poggia sull’interpretazione di quanto scritto nel foglio illustrativo del vaccino quadrivalente MPRV” (… roba …) “ Ad oggi, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono stati registrati solo 9 casi di contagio di varicella persone vaccinate ed individui che mai sono entrati in contatto con il virus“.

    l’altro articolo invece, parla della contagiosità del virus, ossia del fatto sul quale tutti si sono consumati le dita a scrivere, cioè che il vaccino non ti rende invulnerabile e/o completamente sterile al virus.

    in conclusione, prima di citare qualcosa, bisognerebbe LEGGERLO.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.