Pubblicato in: Le tasse sono una cosa bellissima, leviatano

Crolli

Molto, molto interessante The Eurosystem and ECB are akin to the Soviet Era Monobank . Ce lo ripropone tradotto il buon Stefano Iannuzzi sul gruppo Stato Minimo. Ed io da bravo paladino della dea Tutte (semper Gnocca!) ve lo ripropongo qua.

Finalmente ho trovato un articolo che mi ha spiegato perché c’era un campanellino d’allarme che suonava nella mia testona vuota quando leggevo della MMC

L’Eurosistema e la BCE sono simili alla Monobanca dell’era sovietica

mercoledì 28 luglio 2021, di Gordon Kerr e Bob Lyddon, con Enrico Colombatto

Di recente abbiamo scritto degli straordinari aumenti del debito finanziati da transazioni apparentemente circolari tra le agenzie di prestito degli Stati membri e l'”Eurosistema” –la BCE e tutte le banche centrali nazionali. Un recente articolo di Magnin e Nenovsky considera i dati monetari dal Q4 2007 (quando il sistema finanziario ha iniziato a vacillare) al Q2 2020. In questo periodo, la base monetaria dell’area dell’euro è cresciuta del 330%, l’offerta di moneta del 61%, eppure la metrica dell’inflazione CPI è aumentata solo del 17%. Cercando di rispondere alla domanda sul perché un livello così basso di inflazione osservabile sia il risultato di questa “valanga di aumenti del debito pubblico nell’area dell’euro”, gli autori hanno esaminato la struttura istituzionale dietro le economie socialiste dell’Europa orientale, in vigore da 45 a 70 anni, fino alla fine intorno al 1989.

La pietra angolare del socialismo – Vincoli di bilancio morbidiIl documento si basa pesantemente sull’analisi teorica più completa delle economie socialiste pianificate, il lavoro dell’economista ungherese Janos Kornai, e in particolare il suo libro del 1980 The Economics of Shortage. Questo titolo deriva dalla principale manifestazione osservabile degli squilibri strutturali delle economie socialiste – la cronica carenza di beni e servizi per i cittadini comuni – causata dalla riduzione della produzione, dai cambiamenti forzati nei processi produttivi, dalla revisione dei piani e dal risparmio forzato. Per la gente comune, significava fare la fila e autocontrollo; nonostante i prezzi dei beni di consumo siano stati mantenuti bassi, anche le quantità di prodotti sono state mantenute basse. I prezzi bassi e persino in calo erano considerati la “conquista del socialismo reale” [1] perché ciò portava all’inflazione dei salari reali. Certo, tutto questo è stato pianificato, ma come? Kornai conia il termine Soft Budget Constraint (SBC) per descrivere il nesso delle relazioni istituzionali del sistema socialista.I più grandi parallelismi con il nostro sistema attuale si trovano nella sfera monetaria. Qui Kornai adotta l’analisi del denaro attivo / passivo, che si evolve in vincoli di bilancio duri / morbidi. Il settore bancario era appannaggio della Monobanca, un’istituzione statale. Non c’era concorrenza bancaria commerciale e non c’erano mercati finanziari (odiati tratti capitalisti). Le banche con nomi diversi erano semplicemente filiali della Monobanca con le quali tutti gli attori “commerciali” (imprese, organizzazioni, stabilimenti) mantenevano conti. Non c’era concorrenza, quindi “impresa” significava semplicemente un produttore di proprietà statale; la maggior parte dei produttori ha accumulato perdite finanziate dal bilancio centrale. Tutti i pagamenti business-to-business non erano in contanti. Il denaro contante poteva essere prelevato solo per pagare i salari. Le perdite sarebbero sovvenzionate dallo Stato tramite un trasferimento di denaro non in contanti dalla Monobanca, aumentando il saldo del conto bancario dell’impresa con nuova moneta fabbricata perché, naturalmente, gli afflussi di depositi erano insufficienti per corrispondere a questi deflussi; uno degli “squilibri” fondamentali che affronteremo in seguito. Le imprese, di conseguenza, si affidavano a questo denaro morbido o “passivo”.

Per gli individui, tuttavia, il contante era fondamentale. Gli acquisti massimi consentiti erano un’auto e forse una casa. I prestiti erano consentiti per questi, ma entrambi i beni erano razionati. I bilanci delle famiglie erano quindi limitati dal denaro contante (“denaro attivo”).

La chiave per il buon funzionamento del sistema, nonostante i crescenti squilibri strutturali in ogni economia socialista, è stata l’interazione controllata tra i settori del contante e non monetario. Non sorprende che ci fosse anche un “piano di cassa” che veniva regolarmente aggiornato per dimostrare che tutto funzionava secondo le aspettative. Il denaro ha quindi cessato di avere alcuna funzione in termini di segnalazione dei prezzi, non ha svolto alcun ruolo nella scelta dei consumatori ed è stato semplicemente uno “strumento di aggregazione” che consente di eseguire azioni già pianificate. La crescente domanda di denaro da parte del governo è stata soddisfatta senza alcuna resistenza semplicemente aumentando la sua offerta. Il governo non aveva bisogno di prendere in prestito denaro perché aveva accesso al meccanismo con cui veniva emessa nuova moneta; la Monobanca e il governo erano in effetti la stessa entità: “proprio come i postulati della MMT, l’emissione di moneta equivale all’emissione di debito interno”. [2]Ma gli squilibri si sono verificati e si sono ampliati quando il bisogno di consumo di beni da parte dei consumatori ha superato il piano e ha superato l’appetito produttivo delle autorità. Il potere d’acquisto si è spostato dal settore non monetario (business) al settore cash (consumer). Gli squilibri sono stati colmati aumentando l’offerta di moneta, reprimendo l’inflazione con liquidità in eccesso che, nonostante l’aumento della domanda, ha mantenuto i prezzi stabili mentre la quantità di beni disponibili è rimasta bassa. Per mantenere in vita il sistema e disinnescare le tensioni sociali causate dalle carenze, sono state implementate varie misure una tantum, tra cui la riduzione dell’offerta di denaro. Ma nel 1989 la capacità di queste misure monetarie di colmare gli squilibri è stata esaurita; la pianificazione centrale ha iniziato a fratturarsi quando diversi paesi del Comecon hanno sperimentato diversi modelli bancari. I controlli sono crollati, la corruzione e gli scandali sono aumentati. Il controllo dei prezzi si è indebolito e l’inflazione ha preso piede. Ne seguì un’iperinflazione e i sistemi economici socialisti crollarono visibilmente, simultaneamente e catastroficamente.

L’area capitalista dell’euro oggi

Mentre sotto il socialismo non esistevano settori bancari e finanziari separati, nell’area dell’euro di oggi i settori bancario e finanziario esistono ma funzionano come un’unità centrale di mediazione. Gli enti pubblici possono accedere al bilancio dell’Eurosistema facilmente e in grandi quantità, riducendo e persino eliminando la necessità di raccogliere fondi da veri investitori. Ciò attenua il costante bisogno dello stato di nuovo debito (denaro). La repressione finanziaria,mantenendo i tassi di interesse al di sotto del tasso di inflazione per ridurre il debito pubblico, è un esempio di potere statale esercitato per mantenere l’equilibrio nonostante gli squilibri strutturali. I rendimenti obbligazionari sono troppo bassi per giustificare i livelli di rischio assunti, e quindi i consumatori mantengono saldi di cassa ampi e crescenti all’interno del sistema bancario. Ogni mini-crisi aggrava questi punti; l’impatto della pandemia ha comportato un ulteriore aumento dei risparmi delle famiglie. In Francia, il livello di risparmio pre-pandemia era del 12% del PIL, fine 2020 – 20%.

La regolamentazione bancaria dimostra anche la repressione finanziaria; le banche sono tenute a dimostrare i “coefficienti patrimoniali” di solvibilità utilizzando modelli in cui il debito sovrano è ponderato a zero, spinge

ndo le banche a possedere tali attività senza limiti di volumi o concentrazioni. Le garanzie governative sono sempre più rese disponibilie le ponderazioni utilizzate nei modelli di capitale bancario sono semplicemente un trucco per consentire di aumentare il livello di rischio assunto dalle banche mentre i loro livelli di capitale rimangono sulla carta gli stessi.

Istituzionalmente, l’Eurosistema e la BCE (e le istituzioni correlate) sono diventati simili a un pianificatore centrale monobancario/governativo. La BCE, l’Agenzia europea degli strumenti finanziari e dei mercati, l’Autorità bancaria europea, il Meccanismo europeo di stabilità e altri lavorano tutti fianco a fianco. Il finanziamento delle economie dell’area dell’euro è stato in effetti nazionalizzato a livello di monobanca a scapito del capitale produttivo. I bilanci delle singole banche contengono, da un lato, attività ad alto rischio (prestiti e obbligazioni) che sono anche a basso rendimento, e dall’altro depositi senza interessi in gran parte garantiti al creditore da schemi assicurativi statali. La qualità delle attività è incerta mentre la loro scadenza è lunga; gli importi delle passività sono certi e sono principalmente rimborsabili su richiesta. Le banche hanno sia un disallineamento qualitativo che uno squilibrio delle scadenze mascherato dal sostegno dell’Eurosistema. A tutti i costi, alle banche deve essere impedito di andare in risoluzione e innescare una chiamata ai sistemi di assicurazione statale per rimborsare i depositanti: i sistemi non sono finanziati ma sono sottoscritti dallo Stato, quindi una chiamata potrebbe essere soddisfatta solo dallo Stato che emette più debito, per il quale l’unico acquirente è l’Eurosistema. Invece, e al fine di proteggere il sistema istituzionale e mantenere la facciata – per impedire ai depositanti di ritirare i loro saldi dei conti e innescare un collasso simile a un domino – il normale funzionamento di un libero mercato finanziario deve essere represso. L’aumento cinque volte maggiore della base monetaria rispetto all’offerta di moneta è semplicemente la prova della portata della repressione finanziaria.Il più forte parallelo di Magnin e Nenovsky tra le economie socialiste fallite e l’attuale area dell’euro è forse il più agghiacciante: il potere assoluto esercitato dal pianificatore centrale di controllo. Spogliati delle proprie valute nazionali, gli Stati membri non sono stati in grado di frenare l’arroganza dei poteri centrali di pianificazione da parte della BCE e della sua rete istituzionale sorella:

“L’euro ha lo stesso livello di rilevanza imperativa, cioè non può essere messo in discussione, non esiste una procedura di uscita) come lo era con il piano, lo stato e il socialismo …”

Conclusione

La politica monetaria nell’area dell’euro è quindi altamente analoga al modus operandi della gestione economica dell’era del Comecon. Le relazioni istituzionali, poco comprese dal grande pubblico di entrambe le epoche, sono il meccanismo di attuazione fondamentale di questi sistemi di pianificazione. I consumatori soffrono sotto entrambi, anche se le manifestazioni sono diverse. Sotto il socialismo c’era carenza di cibo, oggi abbiamo difficoltà abitative. Anche i parlamenti rappresentativi democratici oggi sono regrediti sotto il sistema dei partiti in modo tale che i campioni indipendenti dei consumatori sono una rarità, e a malapena viene sollevata una domanda sull’attuale paternalismo monetario.

Il sistema socialista finì bruscamente dopo un lungo periodo di stagnazione. L’area dell’euro sembra procedere verso un’analoga stagnazione prolungata, il cui disfacimento è improbabile che sia delicato.

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

Messo il tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.