Pubblicato in: Due pesi due misure, Sinistro

Dov’è l’indignazione liberal per la condotta mostruosamente illiberale di Trudeau?

Sul Telegraph un commento alla deriva autoritaria di Justin Trudeau, che nonostante l’enormità degli abusi nei confronti degli oppositori, viene appoggiata dagli ambienti liberal perché costruita in risonanza con la loro  ideologia ‘woke’,  in nome della quale si  giustifica ogni attacco alle libertà. Una simile deriva autoritaria da parte di esponenti della destra sarebbe stata impensabile.di Joanna Williams, 21 Febbraio 2022Immaginate il clamore se, nel 2020, il presidente Trump avesse congelato i conti bancari delle figure chiave del movimento Black Lives Matter Centinaia di poliziotti in tenuta antisommossa, molti con armi automatiche, invadono le strade per sciogliere una protesta. Quando lo spray al peperoncino non basta a disperdere la folla, la polizia a cavallo carica i manifestanti. Alcuni vengono arrestati, i loro camion rimossi e i loro conti bancari sequestrati.

Avremmo potuto aspettarci che questa violenta repressione delle proteste e questa restrizione delle libertà civili avvenisse in un regime autoritario come la Cina, o magari la Corea del Nord. Ma il Canada? Quel bastione del liberalismo, della tolleranza e della correttezza? Mai. O almeno, non senza che si levassero alte grida di indignazione. Eppure le misure dispiegate contro il “convoglio della libertà” canadese dei camionisti riuniti a Ottawa sin dal mese scorso sono state applicate dal Presidente Trudeau in persona.

Immaginate il clamore se, nel 2020, il presidente Trump avesse congelato i conti bancari appartenenti a figure chiave del movimento Black Lives Matter. Oppure considerate quale sarebbe stata la reazione se Boris Johnson avesse usato polizia a cavallo e spray al peperoncino per fermare i manifestanti di Insulate Britain che bloccavano le autostrade. Eppure, quando si tratta dei camionisti canadesi, gli appartenenti alla sinistra, compresi i cosiddetti liberal, sono rimasti semplicemente a guardare mentre la più grande operazione di polizia nella storia del paese sgomberava le strade, e hanno anche applaudito Trudeau e la sua presa del potere di emergenza. Come si spiega?

Molti “liberali” fondamentalmente non sono d’accordo con la causa dei camionisti. Quella che era iniziata come una campagna contro l’obbligo e i passaporti vaccinali è diventata rapidamente una protesta contro tutte le restrizioni del lockdown. Invece, durante la pandemia, la sinistra è stata categoricamente favorevole al lockdown. L’unico dissenso caso mai è stato quello di chiedere restrizioni più severe. Naturalmente, il lockdown non è mai stato effettivamente esteso ai conducenti di camion. Le persone da cui dipendeva lo stile di vita della classe media non solo dovevano andare al lavoro, ma anche concordare sul fatto che eravamo tutti nella stessa barca. Le proteste contro le restrizioni del lockdown smascherano la menzogna secondo la quale  tutti erano felici di vedere ridotta la propria libertà.

La sinistra è diventata diffidente verso la libertà molto prima della pandemia. Ma il Covid ha fornito l’opportunità perfetta per garantire che il pubblico in generale venisse costretto a portare costantemente le mascherine e al distanziamento sociale. 

I camionisti non solo sostengono la causa sbagliata, ma sono anche il tipo sbagliato di manifestanti. Escono da casa per lavorare e forse mentre si guadagnano da vivere si sporcano anche.  E siamo sinceri: sono principalmente uomini bianchi di mezza età, che difficilmente saranno al passo con l’ultimo lessico woke. Vittoria, in altre parole. I manifestanti di Ottawa non stanno né fustigando la propria identità, né rivendicando di essere vittime, ma stanno combattendo per qualcosa di più grande. Per gli attivisti di oggi è una cosa impossibile da capire.

Se i camionisti sono il tipo sbagliato di manifestanti, Trudeau è sicuramente il tipo giusto di presidente. L’élite sveglia lo riconosce come uno di loro: condividono le stesse opinioni di alto profilo e parlano lo stesso linguaggio costruito. [“She-cession” ( termine che indica la recessione che colpisce più le donne degli uomini,ndt), “people-kind (invece di mankind, per essere più inclusivi, ndt) “? No. Nemmeno io.] Nonostante sia un uomo bianco, Trudeau evoca ogni shibboleth identitario a sua difesa. Non è un caso che il suo insulto ideale sia stato quello di accusare i camionisti di “odio, abusi e razzismo”, mostrando come il pensiero ‘woke’ giustifichi attacchi alla classe operaia. Nella sua gestione del convoglio della libertà, Trudeau appare come un personaggio autoritario e insicuro che cerca disperatamente di sopprimere il dissenso per mantenere il potere a tutti i costi. Il fatto che in questo suo tentativo venga acclamato dai commentatori della sinistra, è semplicemente vergognoso.

 

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

4 pensieri riguardo “Dov’è l’indignazione liberal per la condotta mostruosamente illiberale di Trudeau?

    1. I conti li ha bloccati per davvero però. Ed hanno apertamente minacciato di denunce penali chi aveva offerto del caffè ai manifestanti.
      Li hai viste le conferenze stampa della sua ministra Freeland mi pare si chiami?
      Le minacce erano chiare e dirette.
      Praticamente sono dei mafiosi al governo

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.