Pubblicato in: Bel Paese di merda, Le tasse sono una cosa bellissima

Basta Inps, i giovani scelgano dove versare i contributi per le loro pensioni


Basta Inps, i giovani scelgano dove versare i contributi per le loro pensioni – tpi.it è il suggerimento di Andrea Spinetti su faccialibro che così chiosa:

Basta INPS. Centinaia di migliaia di giovani stanno buttando i propri contributi con il rischio di non rivederli mai più.
I soldi finiranno, e in futuro milioni di anziani “ex giovani” rischiano di trovarsi vittime di un’enorme truffa, perpetrata anche grazie alla complicità di alcuni sindacati e politici, che negli anni hanno impedito di realizzare riforme coraggiose e lungimiranti.
Ripeto da tempo la proposta di permettere ad ogni lavoratore di decidere dove e quanto versare di contributi.
Vuoi versare il 90% del tuo stipendio ogni mese e vivere di stenti oggi, per andare in pensione prima? Sei libero di farlo.
Vuoi viverti la vita alla grande oggi, lavorare molti più anni, e versare di meno? Idem.
Serve responsabilità e libertà.
Oggi siamo tutti vittime di una truffa.
Di Elisa Serafini

Peccato che le pensioni siano un fottuto schema piramidale. Per chi ha meno di 45-50 anni sarà una sonora presa per il culo.

Continua a leggere “Basta Inps, i giovani scelgano dove versare i contributi per le loro pensioni”

Pubblicato in: Bel Paese di merda, Le tasse sono una cosa bellissima

Inps. Pubblicati i dati relativi lo scorso 2017. – SenzaNubi


Giuseppe Sandro Mela. ha appena pubblicato sul suo Senza Nubi «Inps. Pubblicati i dati relativi lo scorso 2017.»

Ottima ed interessante lettura come al solito.

C’è una cosa però che gli sfugge o che forse non ha ancora trattato: la distribuzione geografica delle pensioni di invalidità.

Continua a leggere “Inps. Pubblicati i dati relativi lo scorso 2017. – SenzaNubi”

Le pensioni dei sindacalisti? «Vantaggi doppi rispetto agli altri». Inps: «Possono cumulare la contribuzione figurativa del lavoro in aspettativa a quella dell’impegno nel sindacato». In più i contributi da sindacalisti vengono valorizzati ancora con il metodo contributivo


Le pensioni dei sindacalisti? «Vantaggi doppi rispetto agli altri». Inps: «Possono cumulare la contribuzione figurativa del lavoro in aspettativa a quella dell’impegno nel sindacato». In più i contributi da sindacalisti vengono valorizzati ancora con il metodo contributivo

Pubblicato in: Citazioni, Due pesi due misure, Facce da gluteo

Pensioni d’oro, rimborsate dall’Inps le trattenute imposte da Monti | L’Indipendenza


Nessuno osi anche solo pensare di toccare o privilegi d’oro della casta!
E scusate ma il colossale conflitto d’interesse di una corte costituzionale chiamata a decidere di una questione che li riguarda direttamente ed in solito nessuno l’ha fatta notare no?
Perché chi non sa che le pensioni dei giudici costituzionali sono esattamente quelle prese a metro di paragone è confronto per stabilire le altre pensioni d’oro?
Oh no, I saggi della corte sono invulnerabile per definizione a questi tipo di tentazioni! Come osate dubitarne, volgo infame? http://www.lindipendenza.com/inps-rimborso-trattenute/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=inps-rimborso-trattenute

Pubblicato in: Bel Paese di merda, La pianura che non deve essere nominata, Le tasse sono una cosa bellissima, leviatano, Rubrica silenziosa

Residuo fiscale pro capite delle Regioni: tutti i numeri


Il calcolo è complicato, ma i grandi numeri non mentono: il Nord paga in tasse molto di più di quanto riceve. Si chiama residuo fiscale

Sorgente: Residuo fiscale pro capite delle Regioni: tutti i numeri

Continua a leggere “Residuo fiscale pro capite delle Regioni: tutti i numeri”

Pubblicato in: Le tasse sono una cosa bellissima, leviatano

La burocrazia è il cancro!


Cari patrioti trinariciuti, avete votato SÌ per ridurre i parlamentari?

Bravi deficenti! Avete ignorato che è la burocrazia il cancro di questa nazione, più della politica che in realtà è al suo servizio!

Inps, aumento di stipendio da 62mila a 150mila euro per il presidente Tridico. Il centro-destra chiede le dimissioni

Anche al presidente dell’Inail viene concesso lo stesso stipendio di 150mila euro lordi all’anno, 40mila euro all’anno invece vanno ai vicepresidenti dei due Istituti (60mila se hanno deleghe). Ai consiglieri di amministrazione di Inps e Inail spetteranno 23mila euro

Fonte: Il Sole 24 ore
Pubblicato in: Bel Paese di merda, Le tasse sono una cosa bellissima

Lo sDado


Lo sDado.

Lo stato italiano nuoce gravemente alla Lombardia

Lo stato: quella cosa composta perlopiù da parassiti che ti tassa al 70 per cento, che sta strozzando il commercio, che ti mette in lista d’attesa di secoli all’ospedale, che abbandona i suoi cittadini quando hanno casini all’estero (vedo il caso marò in India), che ti spia il conto corrente, che invece di aiutarti quando sei povero ti porta via i figli, che ha trasformato la scuola in una centrale di indottrinamento mandata avanti da insegnanti svogliati perché sottopagati, che incoraggia l’immigrazione perché ha bisogno di nuovi schiavi.

Per non parlare delle gioie della nostra maGGiDradura, piena di nobili convinti che tutti i cittadini sono colpevoli di qualche reato che non è ancora stato scoperto.

Oh certo, è vero che l’Italia è piena di furbi e che per questo sta “colando a picco” rispetto ad altre nazioni – chi ha detto Germania, Francia? – è vero. È verissimo. Ma questi furbi sono presentissimi nella pubblica amministrazione, nella maGGiDradura, nella politica.

Questa l’ho caricata sette anni fa.
Ed è ancora validissima!

L’Italia sta morendo di burocrazia. Ed è sempre peggio. Questi maledetti parassiti la finiranno solo quando lo Stato giacerà esamine. Per questo lodo coloro che vanno all’estero ad intraprendere. Non quelli che trasferiscono la produzione in Cina. Quelli che fanno armi e bagagli ed aprono all’estero.

Maledetti burocrati. Son loro che di fatto obbligano i nostri giovani a scappare. Mi direte che non è vero, che nessuno obbliga il datore di lavoro a pagare i ragazzi due talleri, un calcio nel culo ed un dito nell’occhio. Sicuro? Sicuro che l’imprenditore che paga il ragazzo che vale molto e molto meno quello che ne vale meno non si ritrovi dopo una bella causa sindacale – altri parassiti – per discriminazione o violazione delle leggi sul contratto di lavoro? Chi pensa che è tutta e solo colpa dei malvagj imprenditür significa che imprenditür non è mai stato realmente. Perché oggi, ora per ogni persona che ha un contributo attivo alla società ci sono pletore di parassiti incistati nei vari INPS, INAIL eccetera. Fatevi un giretto sui miei pezzi che citano l’INPS. Raggelante. Certo, è ancora vero quello che scrissi otto anni fa con «L’ape operaia in un alveare di cicale»: ci sono persone oneste che sgobbano anche nell’INPS, nell’INAIL eccetera. Ma sono troppo poche. Come ci sono masnade di furbi e furbetti che si fanno beatamente gli arazzi loro anche nelle banche e nelle grosse aziende private. Per questo sono tante amate dai politici e dai parassiti in genere, perché trovano sodali impegnati a sfruttare il lavoro degli altri con cui si trovano d’accordo.

Se per caso qualcuno avesse l’impressione che questo sfogo assomigli perlomeno nella sua parte iniziale ad uno analogo di Sartori Andrea, beh, ha proprio ragione.