Pubblicato in: Aborigenofobia, Francia, Le gioie della società multiculturale

Mali estremi


Dentro a faccilibro sei in una bolla. La qualità di quello che c’è dentro dipende chi fai entrare; voglio quindi salvare qui questo pezzo diGiulio Rossi Di Valdisole che vale proprio la pena di leggere, assieme ad un paio di commenti:

Ieri pomeriggio ho preso un caffè con un caro amico che da oltre vent’anni fa il missionario in Mali e torna in Italia per 15 gg ogni 4 mesi. Conosce benissimo la regione e il carattere degli africani. Vivono in mezzo a ricchezze ma non hanno alcuna iniziativa né capacità di utilizzarle. Meglio lasciare che un dittatorello qualunque le ceda a qualche potenza straniera (ora va di moda la Cina ma il Mali è ancora sotto l’influenza francese).

Continua a leggere “Mali estremi”

Annunci
Pubblicato in: cristofobia

Daccene uno cattolico!


Mi unisco all’appello di Puccio Vannetti:

Oh, Signore, dacci un papa cattolico!

Tipo, perché non il cardinale Sarah?

Dai, c’è tempo fino al 2025! Lui è del 1945 ed il limite messo da Paolo VI è 80 anni.

“Gender, teoria aberrante e perversa”

Continua a leggere “Daccene uno cattolico!”

Pubblicato in: Bel Paese di merda

La grande bugia



LA PIÙ GRANDE BUGIA MAI RACCONTATA

Ora datemi dell’ignorante, dello stupido del cretino. Ci stanno tutte. Però una cortesia vi chiedo, a voi che siete iNparati ed iperintelligenti. Leggete questo pezzo e ditemi dove sta l’errore, la magagna, la stupidità. Grassie.

6 milioni di italiani tra disoccupati e inattivi, 5 milioni in povertà assoluta, 10 in condizioni di povertà relativa.

Eppure ci sono strade da rifare, ponti e gallerie da manutenere, metropolitane da costruire, reti autostradali e ferroviarie da ampliare. Scuole e Ospedali da abbattere e ricostruire, territori da mettere in sicurezza dal rischio idrogeologico e sismico.

Continua a leggere “La grande bugia”

Pubblicato in: Uncategorized

Latte fresco? Unione Europea e latte del petrolchimico.


SenzaNubi

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-18.

gufo_001__

Ci furono disperati tempi nei quali c’erano le vacche dalle quali si mungeva il latte: aveva un suo gusto del tutto particolare, che variava da alpeggio ad alpeggio. Si ricavava anche il burro ed una panna da favola.

Poi venne la civilizzazione coatta, di cui l’Unione Europea fu scherano teutonico.

Igiene, si diceva, uniformità del prodotto: cosa mai sarebbe la storia che il grana padano lo si faccia con latte di mucche padane? Latte liofilizzato e polverizzato: ecco come dar modo a tutto il mondo di rifarsi in casa il grana, ed anche gli altri formaggi.

*

«Il latte in polvere è un derivato del latte vaccino e si ricava attraverso la disidratazione a mezzo del calore.

Il metodo è stato applicato, se pur con metodologie rudimentali, sin dal XIII secolo. Il metodo di produzione moderno è stato brevettato nel 1847.

Il latte in polvere viene…

View original post 663 altre parole

Pubblicato in: Nazifemminismo, Sottomessi e sanguinari

Giast duit


Nike: Just do it. If your husband lets you

È davvero triste dover constatare che, a parte qualche rara eccezione, il movimento femminista nel suo insieme appare sostanzialmente muto di fronte alla condizione femminile nell’Islam. Ciò dipende, probabilmente, dalla sua progressiva caratterizzazione in senso ideologico anti-occidentale e terzomondista, per cui l’Islam viene visto come una possibile alternativa da sostenere in sostituzione all’utopia comunista ormai storicamente improponibile. Il risultato, paradossale ma coerente con questa ipotesi, è che le problematiche concrete di centinaia di milioni di donne passano in secondo piano e vengono per così dire occultate, in nome di un’obbedienza ideologica che ha perso di vista perfino l’obiettivo per cui era nata.

DiIslamicamentando via faccialibro. Lo salvo qui per evitare la censura faccialibrica