Pubblicato in: Le tasse sono una cosa bellissima

La RAI batte cassa


Questa quasi mi sfuggiva…

Lorenzo Bianchi ne scrive su FB:

“Se tutti pagassero le tasse, le tasse sarebbero più basse” Quante volte avete sentito ripetere questo slogan?

Nel 2016 viene inserito il canone Rai in bolletta, azzerando di fatto la possibilità di evadere questa odiosa imposta.Gli italiani che pagano passano da 16,5 milioni a 22,2 milioni.

Nonostante la riduzione (da 113 euro a 100 euro), la TV di Stato incassa oltre 500 milioni in più.

Nonostante questo, 5 anni dopo, si invocano nuove imposte.La verità è un’altra: se tutti pagassero le tasse, lo Stato spenderebbe (male) più soldi!

Concludo citando Antonio Martino: “Non mi stancherò mai di ripetere che il nostro vero nemico non è l’evasore, ma l’esattore […] Se la fiscalità è eccessiva, ciò non è certo dovuto al fatto che gli altri non pagano o pagano poco, ma al livello esorbitante raggiunto dalla spesa pubblica: la causa dell’iperfiscalità è lo statalismo, non l’evasione.”

Ed il solito, magistrale Cristiano Nisoli rilancia stupendamente:

La frase ha tanto senso quanto: “se tutti lasciassero la porta di casa aperta, I ladri ruberebbero da tutti, e tutti saremmo derubati di meno”Naturalmente se tutti pagassero le tasse si mangerebbero più soldi e avrebbero bisogno di più soldi, e ci sarebbero più tasse.

Pubblicato in: Facce da gluteo

La demonizzazione è partita


“La verità ti fa male lo so” recitava una vecchia canzone. Fa male a chi è in malafede. Ed oramai son convinto che il governo sia in malafede, così come sono in assoluta malafede quegli imbrattacarte che affollano le redazioni dei giornaloni.

Leggetele. Leggetele bene. E poi venitemi a spiegare chi e come ha provato che la fonte del contagio sarebbe la professoressa che fa i tamponi ogni due giorni.

Poi vai a leggerti la notizia sull’Ansa (Covid: focolaio in una scuola a Bologna, 300 ragazzi in Dad) e scopri che Peccato che l’ANSA che nonostante tutto ogni tanto ha ancora un barlume di correttezza ci tiene a precisare che

Quanto all’ipotesi che il contagio possa essere partito da una docente non vaccinata ma in regola con il Green pass, ottenuto tramite tampone negativo o guarigione, “questa cosa – dice la dirigente scolastica – l’ho saputa anche io dai giornali. Io faccio il controllo giornaliero sui docenti e li rilevo” con l’applicazione che “mi segnala il Green pass verde per l’ingresso. Per me quello che vale, come previsto dalla legge, è il Green pass che la docente aveva regolarmente come gli altri”.

Come a dire che i titoloni sull’untrice se li sono proprio inventati di sana pianta, i giornaloni.

Tutti si rifanno ai “si dice” del Corriere della Serva:

Come confermano fonti sanitarie, ci sarebbero gli elementi per ipotizzare un contagio partito da un’insegnante dell’istituto. Lei non risulterebbe vaccinata e le quattro classi attualmente in quarantena sono proprio quelle in cui insegna e dove successivamente alla sua positività è partito lo screening che ha appunto rintracciato altri casi di Covid, portando alla decisione di mettere i giovani a casa in isolamento. Anche se le prime persone a cui la professoressa potrebbe aver trasmesso il virus sono proprio due insegnanti, anche loro regolarmente munite di green pass valido, in questo caso frutto della vaccinazione. Da lì il coinvolgimento delle altre otto classi, che saranno sottoposte a tampone tra domenica e lunedì per capire se dovranno essere prese ulteriori misure o se tutti potranno tornare in presenza.

Capito? “Ci sarebbero elementi per ipotizzare”… e poi due punturati son risultati positivi. Quindi alfine, una domanda sorge spontanea:

Se i vaccini non impediscono di prendere la malattia e non impediscono di diffonderla, a cosa servono?

E non ve ne uscite con la manfrina del “lo prendi in forma lieve”. Andate a vedervi i morti dell’anno scorso e quelli di quest’anno. E ditemi se la forma è lieve.

Pubblicato in: Uncategorized

Avversi


Questo è un caso. Ma andate a farvi un giro su

https://t.me/nogreenpassita

https://t.me/evncov

https://t.me/dannicollateralivaccinocovid

https://t.me/giuseppemasala

https://t.me/cesaresacchetti

Di casino analoghi ne troverete tantissimi. Troppi. E moltissimi sono giovani che il Covid gli avrebbe fatto.un baffo