Citazioni, Complottismo

L’han già fatto


Caterina Dei Tanesco se ne è uscita qualche tempo fa con squesta breve riflessione:

Sto ascoltando il piano kalergi, promuove la disfatta dell’autodeterminazione dei popoli, la distruzione dei gruppi separatisti, e l’imbarbarimento europeo di razze asiatiche e africane, insomma se guardiamo il passato le stesse cose che facevano gli assiri, uguale, imbarbarimento dei popoli, unificazione delle razze, distruzione delle diversità, perchè poi le genti possano essere malleabili, sinceramente, non mi sembra una bufala.

Alla fin fine è la stessa tesi che sostengo io da molto, ossia che non serve invocare complotti quando si assiste al male che scorrazza nel mondo quando per spiegare la questione è sufficiente constatare che le persone possono volontariamente ed egoisticamente scegliere il male.

Annunci
Citazioni, Facce da gluteo, Facezie, Ghisberto, La rete evanescente

Precisazioni


Ritengo molto utile la lettura delle note che il buon Ghisberto appone alla sua pagina faccialibrica giacché mi trovo a sposarle in toto:

Vorrei specificare una cosa che ritenevo scontata…

le mie vignette non sono razziste! (controllate il significato di tale parola, please!)

Non sono contro gli stranieri o le persone di colore; “il colore della pelle e’ come il colore degli occhi” Ho amici africani che adoro e non ho nessun problema di questo tipo. (anche perché sposai una straniera non bianca)

Continua a leggere

Citazioni, Sinistro

Mi accodo al buon Andrea Sartori ed al appello su faccialibro:

La cosa che fa incazzare della gauche caviar sono le firme pro Battisti. Perché tutto questo amore per un assassino? Ma vi piacciono ben tanto quelli che ammazzano la gente?

Ma non sono nemmeno Saviano e Vauro quelli che fanno più incazzare. I peggiori sono gli intellò francesi, i Pennac, le Fred Vargas e via discorrendo.

Ma sono gli strascichi dell’infame politica di Mitterand, che ospitò assassini spacciandoli per perseguitati politici di un Paese come il nostro che avrà mille difetti, ma di sicuro non è il Cile di Pinochet.

Ma a questi che vivono protetti nelle loro bolle di sapone piace tanto il terrorismo?

Citazioni

Benedettini


Nel giorno di San Benedetto è giusto scrivere un post controcorrente. L’attuale vulgata ama presentare il protocristianesimo come una congrega di fanatici dediti alla distruzione sistematica della grande cultura classica. Si citano episodi come la distruzione del Serapeo o l’uccisione di Ipazia.

Episodi come questi vi furono, e sono episodi gravi, sui quali troppi cristiani tacciono imbarazzati. Ma se il Cristianesimo fosse stato solo quella roba lì non sarebbe sopravvissuto nulla della grande civiltà greco-romana.

Invece moltissimo ci è arrivato.

Di questo non ringrazieremo mai abbastanza i benedettini. La loro opera di preservazione dei classici è stata fondamentale. Furono dei monaci cristiani a salvare la letteratura pagana. Senza pregiudizi: se uno legge Tacito trova brani violentemente anticristiani. Se noi oggi li possiamo leggere è perché qualche monaco benedettino li ha copiati.

Stesso discorso per l’Islam: per un califfo Omar che ordina la distruzione della biblioteca di Alessandria abbiamo un califfo Harun al Rashid che ordina il recupero dei testi ellenistici.

È la tanto lodata modernitá che sta ordinando la distruzione del passato. E non mi riferisco solo ai recenti abbattimenti di statue o al furor ideologicus contro Colombo o l’architettura del Ventennio.

Esiste una corrente più sottilmente pericolosa: quelli che dicono: tanto è roba vecchia.

Citazioni

Levano il Columbus Day


“Leviamo il Columbus Day”. A Los Angeles cancellato giorno di Colombo perché celebra un’invasione

Allora smantellate gli Stati Uniti, tornatevene in Europa, e lasciate tutto a quei (pochi) nativi.

Ah, pure i neri. Tutti in Africa. Per i nativi erano invasori pure loro. E i neri erano molto attivi nel macellare indiani.

Premesso che Colombo è l’uomo che ha meno colpe del macello, cerchiamo di non essere ipocriti.

 

Continua a leggere

Citazioni, Novella bella

Moralità degli atti umani


Moralità degli atti umani – Telegraph

La contraccezione è fare l'amore senza fare il figlio. La fecondazione extracorporea è fare il figlio senza fare l'amore. La pornografia è distruggere l'amore. L'aborto è distruggere il figlio. Tutte cose contrarie alla dignità dell'amore umano. Servo di Dio Jérôme Lejeune (Scienzato e medico)

Mi ha colpito la foto con la citazione di Jérôme Lejeune; l’articolo che è in calce è molto più profondo e merita di essere letto con attenzione da tutti.

Ogni atto umano è sempre anche un atto morale, poiché la moralità di un’azione per quanto riguarda la persona umana non è mai separabile totalmente dall’azione stessa che l’uomo compie.

Continua a leggere

Citazioni

Ristorante Molo13 a Milano


Specialità sardomarinara, “Ristorante Molo13 “

Sì, adesso mi metto a pubblicizzare anche i ristoranti, quando ci lavorano persone a me affini con cui entro in contatto su Faccialibro.

C’è vita intelligente anche su faccialibro, basta saperlo usare.Che poi sia il moderno grande Fratello di Orwelliana memoria, ahimè non c’è da dubitarne. Mi piacerebbe riuscire a spostare i più su Mastodon.

Però mi piacerebbe trovare il modo per metter sù il mio Mastodon/GNU Social in modo “abbastanza” anonimo.

Salva

Citazioni

Quando Pareto stroncò Marx


Per Marx «è evidente che si fa astrazione dal valore d’uso delle merci quando si scambiano». Il valore di scambio sarebbe una sorta di espressione della “sostanza” che risiede nei beni: ovvero la quantità di lavoro.In realtà, spiega Pareto, è vero proprio il contrario. Chi ha acqua a sufficienza non baratterà mai un bicchiere col proprio orologio perché in quelle circostanze «il valore d’uso… è molto minore per voi del valore d’uso dell’orologio». “Ma se siete morente di sete, voi accetterete con riconoscenza una simile proposizione, perché allora il valore d’uso nella quantità d’acqua che vi si offre è molto più grande del valore d’uso dell’orologio». Se si guarda alle ragioni di scambio «la considerazione del lavoro incorporato nella merce» non interviene per niente: contano invece le necessità e le preferenze delle persone che scambiano. L’idea che ciascuno si fa sul “valore d’uso” che riuscirà a trarne.

Sorgente: Quando Pareto stroncò Marx – Il Sole 24 Ore

Continua a leggere