La chiesa massonica di Bergoglio non ha detto una parola contro le violenze subite dai manifestanti a Trieste. Troppo impegnata a benedire i sieri sperimentali prodotti con feti abortiti. In compenso, monsignor Viganò, che ormai rappresenta lo spirito della vera Chiesa Cattolica manda il suo messaggio ai patrioti di Trieste.

Continua a leggere “Viganò ai Triestini”

Viganò ai Triestini

Pubblicato in: Bel Paese di merda, cristofobia, In missione per conto della dia Tutte

Dentro le istituzioni


Marco Tosatti, autore di Stilum Curiæ, ci ha riproposto il messaggio che monsignor Viganò ha rivolto a chi è intervenuto alla recente manifestazione di piazza del Popolo. Il video è qui «Viganò: i Veri Violenti Sono Dentro le Istituzioni. È una Tirannide Globale», e successivamente ha inviato il testo completo del messaggio. Il video è su Youtube, ma nel caso assai probabile che colà venga cancellato l’ho caricato su IPFS in versione ridotta

I video sono caricati su IPFS. Usate IPFS Desktop e IPFS Companion per un confortevole uso su desktop. Su telefono c’è Thor Browser, lo trovate suF-Droid (attenzione, quello con l’acca)

Continua a leggere “Dentro le istituzioni”

Educare, non assecondare


Come promesso ad Alessandro Saraceno che l’ha proposta su faccialibro ….

“Il popolo va educato, non assecondato”.

Principio cristiano costante nei secoli basato sulla consapevolezza che esiste una Via, Verità e Vita. Quando qualcosa è scomodo da dire, possiamo stare certi che è nel giusto. Perché quando il mondo acclama qualcosa, è perché ne asseconda le concupiscenze e convinzioni che adopera per adagiarsi su stesso. Ma un uomo in balia dei propri istinti, animalescamente legato alla vile materia, diventa schiavo di se stesso e di chiunque gli prospetti di conservare la possibilità di imbestialirsi. Per questo la nostra società è tanto manipolabile: perché priva di coscienza critica.

Di contro, la consapevolezza dell’ordine reale dell’universo, la fede sul fatto che non tutto è in questa terra rende l’uomo libero. Perché obbedisce a principi universali ed eterni, e si sottomette all’autorità politica unicamente se concorde a tali principi. Non esiste potere legittimo che non sia nella Verità. Il credente è sciolto dall’obbedienza a dettami empi. Inoltre, la consapevolezza dello spirito fa perdere qualunque paura di perdere comodità e vizi, oltre che rendere tranquilli sulla vita e la sua fine. Non importa quando, ma rettamente.Ragion per cui il parere di masse scristianizzate, anche se assolutamente maggioritarie, resta cosa nulla. Perché chi è con Dio è sempre la maggioranza. Fosse anche uno soltanto ad affermare la Verità. E non c’è potere terreno che possa farci qualcosa. Anche perché alla fine è sempre quello a crollare, alla fine. Non la fede salda. Dicono che il fedele è schiavo di leggi astratte. No, sono quelle che mi impediscono di piegarmi a maggioranza e potere. Dicono che l’uomo deve vivere solo di ciò che ha in terra e assecondando i sensi.

No, non temendo di perdere tutto non sono servo delle cose o di chi mi lancia i croccantini. Dicono che la democratica maggioranza abbia sempre ragione.

No, dato che la coscienza mi rende libero dall’assecondare azioni immorali invece incoraggiate e approvate da tutti.

È il popolo che deve conformarsi alla Verità. La Verità, quando si prova ad adattarla alla gente, diventa sempre falsità. Un governo retto dai giusti principi di diritto naturale e dottrina sociale cristiana ha il dovere di, oltre a garantire pace e benessere, anche di educare il popolo. Un governo che non è concorde con la Verità non è legittimo. E i suoi ordini sono nulli.

Nel Catechismo non è detto da nessuna parte che una forma di governo sia preferibile a un’altra. La tirannide scaturisce solo in caso di potere assoluto per fini egoistici od empi. Se il governo, anche rigido, si basa su principi cristiani, è benedetto. Un governo blando ma privo di fede non sarà mai approvabile.

Pubblicato in: cristofobia, Notizie buonine, Notizie tristine, Novella bella, Sottomessi e sanguinari

I frutti dei martiri


In the first picture, coward ISIS (Islamic State) killed those brave Christians who refused to deny their faith in Jesus. 
In the second picture all those former Muslims who abandoned Islam got baptized in the Name of the Father , the Son and the Holy Spirit. They have tasted the goodness of Jesus. Just look at the contrast between Islam vs. Christianity. One kills the other saves. Not hard to understand what Islam really is.
Nella prima immagine, il codardo ISIS (Stato Islamico) ha ucciso quei coraggiosi cristiani che hanno rifiutato di rinnegare la loro fede in Gesù.
Nella seconda immagine tutti quegli ex musulmani che hanno abbandonato l’Islam sono stati battezzati nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Hanno assaggiato la bontà di Gesù. Basta guardare il contrasto tra Islam e Cristianesimo. Uno uccide l’altro salva. Non è difficile capire cos’è veramente l’Islam.
Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)
da Answering Islam – Jesus Is God (del 27 ottobre 2019) via IslamNoGrazie (qui)

Giusta contrapposizione, i musulmani e i musulmani quando si convertono al cristianesimo. Infatti è così, da musulmani anche se “moderati”, anche se non uccidono, sperano sempre che qualche loro fratello musulmano uccida anche per loro. Se si convertono, si accorgono della mostruosità alla quale hanno creduto, ma solo se si convertono se ne accorgono.

Pubblicato in: cristofobia

Il male esiste


Molti nella Chiesa non osano più insegnare la realtà della salvezza e la vita eterna. Nelle omelie si avverte uno strano silenzio circa il fine ultimo. Si evita di parlare del peccato originale. È ritenuto arcaico. Il senso del peccato sembra scomparso. Il bene e il male non esistono più. Il relativismo, una candeggina terribilmente efficace, ha rimosso tutto al suo passaggio. La confusione dottrinale e morale raggiungono il parossismo. Il male è il bene, il bene è il male. L’uomo non avverte più il bisogno di essere salvato. La perdita del senso della salvezza è la conseguenza della perdita della trascendenza di Dio. Non sembriamo preoccupati da ciò che ci accadrà quando avremo lasciato questa terra. In tale prospettiva, preferiamo considerare che il demonio non esiste più. Alcuni vescovi sostengono addirittura che si tratti solo di un’immagine simbolica. Dunque, Gesù Cristo mente quando afferma invece che esso è reale, che più volte è stato tentato da lui, dal Principe di questo mondo!

— Leo WoodCardinal Robert Sarah (via FB)

Ahimè, alcuni vescovi sostengono addirittura che si tratti solo di un’immagine simbolica». Triste realtà. Di fatto sono eretici. Perché Satana è reale. Realissimo.

E come ti comporti. Ed il cardinale Sarah ha dimostrato in parole ed opere di essere un grande evangelizzatore, fermo nella fede. Vorrei averne migliaia di sacerdoti come il cardinale Sarah!

In molti, come anche io, lo vedrebbero bene come pontefice.

Quindi confidiamo nell’operato dello Spirito Santo e preghiamo, e preghiamo tanto.

Prego perché il Signore ce lo conservi a lungo e in salute! E che susciti mille e ancora mille novelli Sarah!

Pubblicato in: cristofobia, Critica alla ragion pura, Sinistro

Delirante


Andrea Sartori ieri scriveva:

Umberto Galimberti, personaggio orrido e pericoloso, dice che non esiste libertà sinché esisterà il Cristianesimo. Ora seguiamo bene il discorso perché è istruttivo sotto diversi aspetti dell’orrore che ci stanno preparando

«Il cristianesimo ha messo al centro l’individuo, la cosa più importante è salvare l’anima e la si salva individualmente. L’individualismo è partito da quella concezione: Agostino dice che “Allo Stato non compete il compito di cercare il bene comune, ma di togliere gli impedimenti che si frappongono alla salvezza dell’anima”, che però resta individuale» quindi oltre a proporre il TSO a chi “crede alle apparizioni di Fatima e Medjugorje” dice che «Fino a che funziona questa cultura – il cristianesimo non è solo una religione ma una cultura collettiva, anche gli atei oggi sono cristiani – ecco finché resta questo noi non ci libereremo mai. Occorre assumere un atteggiamento critico nel primato dell’individuo, rispetto al primato della comunità».

Il primato della comunità sull’individuo. Ovvero il totalitarismo. Fa il paio con le parole di Xi Jinping, lo Stalin del XXI secolo, in Tibet: il buddismo deve adattarsi allo Stato socialista, nessuno spazio alla ricerca spirituale individuale, siete come formiche

A cosa mirano questi signori? A cancellare la nostra individualità (le mascherine servono a quello, mica a proteggere) e la nostra spiritualità. Perché chi è consapevole di una salvezza oltre la morte non si fa condizionare, non ha paura: quindi bisogna cancellare il Cristianesimo, che ti parla di vita eterna, per far posto alla “scienza” che ti dice che sei carne da vermi. Ma che puoi differire questo nulla eterno con mascherine e intrugli non testati (con la paura della morte ti usano come cavia).

Tutto questo è semplicemente satanico e anticristico.

Andate a leggervi la voce relativa a Umberto Galimberti su Wikipedia che esordisce con:

filosofo, accademico e psicoanalista italiano, nonché giornalista de La Repubblica.

Ah beh, chiarissimo. Tuttavia l’incipit, ossia l’antilegame tra libertà e Cristianesimo non lo trovo. Ho trovato quella frase ripetuta su «ilsussidiario.net, e su newsonline.it. Un altro riferimento c’è nell’articolo «Galimberti: “Tso per no vax e chi crede a Medjugorje”/ “Sono pazzi, vanno curati”» dove scrivono che se ne sia uscito con queste ed altre perle nella puntata del 15 luglio della trasmissione “La Onda” su La7.

Ora io mi vanto di non guardare – credo da oramai 4 o 5 anni – telegiornali e talk show e soprattutto non ho mai guardato “La 7”, per cui chiedo a voi la cortesia di confermarmi questa citazione.

Mi aiutate, per piacere?

PS: sulle frequenze de La 7 una volta trasmetteva Telemontecarlo. Ma era tutt’altra pasta, specie quando trasmettevano i cartoni di Asterix a Natale