Pubblicato in: Ghisberto

Te l’avevo detto!


Caro Ghisberto, è proprio ora di spostare il tuo blog su WordPress.com

E non solo perché non hai la banda passante centellinata e non rischi di vederti il sito bloccato temporaneamente, ma soprattutto perché è fuori dalla longa manus di certa sinistra maGGisDraDura che non vede l’ora di oscurarti. Certo mi dira che siccome wordpress.com è di Automattic che è un’azienda statunitense non hai risolto definitivamente il problema. Ok, però è sempre meglio della tua situazione attuale. Un gran bel passo – ma devi cacciare i ciccioli – è aprire un blog con un servizio svizzero o di altro stato ostile alla censura.

Cordialità

Pubblicato in: Germania, Ghisberto, Neurodeliri

Insiste


Sartori Andrea insiste coi suoi ragionati strali contro la Germania, ed io fedelmente li salvo qui perché ritengo siano quantomeno degni di attenzione.

E rivolgo un invito a tutti gli Europeisti o filo-teutonici che per caso dovessero leggere queste mie note: in tanti han provato a spiegarmi che tutto questo è un’illusione, che è colpa delle cicale italiche eccetera. Nessuno è stato in grado di andare oltre una reductio-ad-hitlerum oppure ha fatto ricorso a diverse altre fallacie logiche.

Continua a leggere “Insiste”
Pubblicato in: Ghisberto, Notizie tristine, Sottomessi e sanguinari

fa più notizia il petrolio che brucia a causa degli Yemeniti di migliaia di bambini che muoiono a causa dei Sauditi

Ghisberto spesso sa essere rude ed inappropriato. Questa volta però no. La guerra tra Arabia Saudita e Yemen, tra una nazione ricchissima ed una delle più povere della terra è semplicemente ripugnante, stando a quello che se ne legge.

Continua a leggere
Pubblicato in: Ghisberto

Raccogliere il seminato


ghisberto

Condividete

Obbedisco!

Sono conscio del fatto che le vignette di Ghisberto siano quasi sempre sopra le righe. Condivido questa perché non riesco a capire come uno possa subire un’aggressione e giustificare l’aggressore.

Notate: non perdonare, giustificare!

A quanti mi diranno “ah, ma i Cristiani devono perdonare!” Ricordo perdonare, NON giustificare! Perdonare il male ricevuto implica riconoscere che è male ed invitare il malfattore a redimersi.
Qui invece siamo alla negazione completa della malvagità della violenza

 

Pubblicato in: Due pesi due misure, Ghisberto

Ricordate lo Yemen


Una vignetta del 2018, giusto per ricordare chi sta davvero in guerra e non i finti profughi palestrati che arrivano in Italia: yemen, la fame uccide ogni giorno centinaia di bambini. La triste conta parla ormai di 100.000 bambini morti per fame grazie alla guerra capitanata dall’Arabia Saudita e sostenuta dagli USA, nel silenzio generale dell’UE.