L’Inquisizione svedese


I miei quattro lettori ben sanno come mi sia invisa la censura e l’evanescenza della rete.

Ritengo pertanto mio ineluttabile dovere morale ricopiare1 nella sua interezza «Non ci saremmo mai aspettati una sorta di Inquisizione svedese» pezzo di L’orizzonte degli eventi che mi han proposto via faccialibro.

Due cantanti si son trovati a filmare scontri tra immigrati islamici e per il solo fatto di aver pubblicato la cosa son stati licenziati con infamia.

Il frutto marcio della deficenza del modello svedese, di quello di Pippi calzelunghe.

Continua a leggere

Infiltrati con gli immigrati. Ma va?


 Il terrorista El Khazzani: così ci siamo infiltrati con gli immigrati in Europa – Secolo d’Italia

Già. Ora c’è anche il terrorista che spiega ai deficienti che hanno favorito questa invasione che stavano entrando anche i terroristi.

Sapete, c’è un partito politico che vi ha avvisato. Da ANNI ve lo diceva. E voi ad etichettarlo come razzista, xenofobo eccetera.

Deficenti. Cacciarli fuori ora che si sono infiltrati sarà difficile, lungo e doloroso.

Continua a leggere

Link

 

Aggressione in piazza Duca d’Aosta a Milano: “Sono stati i talebani”

La vittima, un pakistano ospite in un centro accoglienza, ha raccontato così l’aggressione subìta nella notte in piazzale Duca d’Aosta

Strano, i prefetti non avevano per caso ordinato di tacere sempre la cittadinanza degli aggressori? Bah, forse se le vittime sono anch’essi foresti non vale….

Aiutarli a ricostruire i propri Paesi


Ma senti che razzista, che fascista, che nazista che leghista questo:

Se guardiamo in faccia ogni singolo rifugiato, in particolare i bambini e le donne, sentiamo la loro sofferenza (…) Ora ce ne sono troppi. L’Europa, ad esempio la Germania, non può diventare un Paese arabo. La Germania è la Germania. (…) ce ne sono così tanti che nella pratica diventa difficile (…) dal punto di vista morale questi rifugiati dovrebbero essere accolti solo in via temporanea. L’obiettivo dovrebbe essere quello di farli ritornare e aiutare a ricostruire i propri Paesi.

Continua a leggere