Pubblicato in: leviatano

La cavia


Al di là della commozione per il fatto che si tratta di un bambino, a molti sfugge l’agghiacciante morale della questione: lo Stato impone la sua visione all’individuo.

La domanda che molti pongono è: che senso ha vivere così?

Se a me va bene così, va bene così.

Il mio concetto di libertà è: se io provo piacere a tirarmi bottigliate sui coglioni come Tafazzi, ma non le tiro a terzi, allo Stato non deve interessare

Lo Stato deve intervenire solo se tiro bottigliate sui coglioni a terze persone che non ne provano piacere.

Ora qui uno Stato, sguinzagliando i suoi cani (magistrati, poliziotti e via discorrendo) sta imponendo ad un singolo la sua visione.

Ora, tutto questo si è visto nei tre totalitarismi del XX secolo: nazismo, comunismo e, in forma più blanda (era pur sempre un totalitarismo imperfetto) anche nel fascismo italiano.

Gli antifascisti che “coraggiosamente” ricordano fatti di 80 anni fa “perché non si ripetano più” non dicono nulla. Il 25 aprile è oramai una liturgia vuota, senza senso, che serve solo ai soliti trinariciuti per dare addosso ai loro avversari politici.

Oggi uno Stato da sempre considerato liberale ti dice che tu non sei tuo, nemmeno i tuoi figli sono tuoi, ma dello Stato. Che può usare tuo figlio come cavia da laboratorio (cosa credete che stia avvenendo? Perché credete che abbiano fatto un tale spiegamento di forze?) e te lo dice con l’intimidazione e le minacce.

Se non capite questa minaccia, non avete capito nulla. E il vostro supposto antifascismo è solo un ridicolo anacronismo usato a mò di clava polemica.

#AlfieEvans

Annunci

Oldies but goldies: 3.100 miliardi di interessi in 3 decenni


Articolo vecchio, del 2013, della bravissima “GPG Imperatrice” che ahimè è sparita dalla rete:

Studio Esclusivo: l’Italia ha pagato 3.100 miliardi di interessi in 3 decenni (198% del PIL) | Scenarieconomici.it

Dalla privatizzazione della Banca d’Italia in poi

 

Pubblicato in: Le tasse sono una cosa bellissima, leviatano, Lombardia

Il privilegio di essere schiavi


56 miliardi di euro è il residuo fiscale della Lombardia, vale a dire che i lombardi danno a Roma 56 miliardi in più di quello che lo Stato restituisce al territorio.

Gli abitanti della Lombardia sono 10 milioni. Se calcoliamo 56 mld su 10 mln otteniamo 5.600 euro a cranio.

Poniamo una famigliuola con due bimbi. 5.600 per 4 fa 22.400. Consideriamo un lasso di tempo di 25 anni e moltiplichiamo 22.400 per 25 e otteniamo 560.000 euro.

Per una famiglia lombarda di 4 persone in 20 anni, il privilegio di essere schiava di Roma costa 560.000 euro.

Ora vi chiedo, il problema principale di un Lumbard è difendere la sua appartenenza razziale oppure sparare a sale nelle natiche dei colpevoli di questo esproprio ininterrotto e di coloro che li sostengono?

[Insipired by Marco Bassani]

Da Caterina Dei Tanesco su faccialibro

Pubblicato in: 4 o 5 stalle, leviatano

La bomba assistenzialista


Una bomba assistenzialista sui conti pubblici. di Elena Vigliano

La fine del lavoro.

Se Di Maio avrà il governo, avremo il reddito di cittadinanza.

E’ un sussidio di 780 euro erogato a chi è senza reddito o, per chi ha un reddito inferiore a tale soglia, fino ad integrazione; di 1.014 euro per un genitore solo con un figlio minore e 1.638 euro per una coppia con due figli minori.

Per averlo non è necessario essere cittadini, basta essere residenti in italia e senza reddito o con un reddito inferiore al sussidio.

Chi benficia del sussidio dovrà rinunciarvi solo al suo terzo rifiuto (!) di un’offerta di lavoro consecutiva fatta dal centro per l’impiego, offerta di lavoro che, però, deve avere le seguenti caratteristiche:

  • essere attinente alle competenze segnalate dal beneficiario in fase di registrazione presso il centro per l’impiego;
  • con una retribuzione oraria deve uguale o superiore all’80 per cento rispetto alle mansioni di provenienza o a quanto previsto dai contratti nazionali di riferimento;
  • il luogo di lavoro deve essere situato nel raggio di 50 chilometri dal luogo di residenza e deve essere raggiungibile entro ottanta minuti con i mezzi pubblici.

Conoscendo il funzionamento della burocrazia italiana, e nello specifico, il non funzionamento dei centri impiego, è facile immaginare che non ci sarà nessuna offerta di lavoro, tantomeno con le caratteristiche sopra riportate, tantomeno in numero di tre offerte di lavoro per ogni percettore del sussidio, e pertanto chi percepirà il sussidio, italiani e immigrati, lo farà a lungo, quindi disincentiva la ricerca autonoma di un lavoro, incentiva il lavoro nero, incentiva l’immigrazione finalizzata al conseguimento del sussidio.
Con una amministrazione incapace di smascherare falsi certificati di residenza, falsi permessi di soggiorno, false certificazioni di reddito, si moltiplicheranno gli abusi.

È una vera e propria bomba assistenzialista in grado di far saltare i conti di qualunque nazione.

Pubblicato in: 4 o 5 stalle, leviatano

5 stelle statali


Il movimento 5 stelle è radicalmente e  profondamente anti-cattolico e schifosamente statalista. Date uno sguardo all’argomento “scuole paritarie” su Tempi.it:

Più approfondisco le posizioni di 5 stelle più arretro inorridito

Pubblicato in: Citazioni, Facezie, Le tasse sono una cosa bellissima, leviatano

Come diventare adulti


27067114_929191163912634_1910720644692664866_n

27067114_929191163912634_1910720644692664866_n

Spero non me ne vorranno quelli de L’Individualista Feroce – Liberalismo Italiano donde ho tratto questa simpatica infografica se al posto di passare l’aspirapolvere utilizzo un robottino adatto all’uopo (tipo Roomba) e se sono troppo pigro.

Pubblicato in: Bel Paese di merda, leviatano

Lo sciacallo Cappato


Cappato è tecnicamente una iena. O uno sciacallo o anche un avvoltoio.

Insomma una di quelle bestie che si nutrono.di cadaveri perché sta costruendo la sua fama su dei morti. Sta gestendo molto bene la cosa, giocando la carta del martire del libero pensiero (da subito è andato a costituirsi. Sapendo perfettamente che questo ne aumenterà solo la popolarità. Doveva essere ignorato).

Continua a leggere “Lo sciacallo Cappato”