Pubblicato in: Bel Paese di merda, MaGGistratura

No, nessuna bufala.


Mauro Pelella fa il suo lavoro (guardia giurata) uccidendo due rapinatori: 11,4 anni di carcere e perde il lavoro. Remi Nikolic (ROM!) uccide volontariamente un vigile da sopra un SUV rubato: gli regalano una borsa lavoro presso la Scala di Milano

Ah, Vazzista, xenofobo, populista, non controlli le fonti, nell’era della post verità non conta la notizia, il messaggio serve solo per affermare la propria teoria.

Frasi come queste mi vengono rinfacciate quando si affermano verità scomode – tipo quando ricordo che l’aborto è un omicidio. Legale ma è un omicidio. Ma di questo, dopo.

Continua a leggere “No, nessuna bufala.”

Annunci
Pubblicato in: Bel Paese di merda, Facce da gluteo, Ghisberto, MaGGistratura

Scatenato!


Ghisberto oggi è scatenato: ben tre vignette!

Il radar degli 007 incastra le ONG: "si muovono insieme agli scafisti" Milano, prese a sprangate un passante: "è pazzo, potrebbe essere assolto". Giudice testa di bolla "Il carcere non è un luogo ideale per questo psicopatico! Uscitelo!" Sprangatore: "Grasie, mio luogo ideale esere strada.... dove fracasare teste senza sentirme en colpa! Immigrazione, Barcellona sostiene ONG sequestrata: "Salvare vite non è reato". "E poi se queste vite portarle tutte in Italia a noi va muy bien!" .... ha pisciato ancora fuori dal vaso!

Io qui ve le riporto in piccolo perché voi avete l’obbligo morale di cliccheggiare su ognuna di esse e poi uscirvene con un clic sulla sua pubblicità!

 

Pubblicato in: Bel Paese di merda, MaGGistratura

L’unica certezza è per la vittima


Da un punto di vista tecnico/giuridico, ciò che sta avvenendo nel caso di cronaca nera della povera Pamela, non solo ha dell’incredibile, ma rischia di diventare il precedente che rappresenterà il punto di non ritorno della nostra civiltà giuridica, sociale e persino culturale.

Asserire che le circostanze di luogo e di tempo, che caratterizzano questo caso, non siano sufficienti per una condanna per omicidio con tutte le aggravanti possibili, significa ribaltare completamente i criteri di giudizio applicati sino ad oggi, in Italia e in tutti i paesi civili del pianeta.

Continua a leggere “L’unica certezza è per la vittima”

Pubblicato in: Bel Paese di merda, MaGGistratura

Raccontateglielo ai nostri giudici


Vorrei chiedere una cortesia a chi conoscesse giudici, maGGisDradi eccetera eccetera, in particolare se sono “di sinistra”. Fategli leggere questo passaggio:

La “Tolleranza Zero” cioè l’applicazione particolarmente intransigente delle norme di pubblica sicurezza, si basa sulla “Teoria della Finestre Rotte” che è “una teoria epidemica della criminalità”.

Continua a leggere “Raccontateglielo ai nostri giudici”

Pubblicato in: Bel Paese di merda, MaGGistratura

In mano a farabutti


Grazie a Maria Grazia Giordano per averci sottoposto questa “notiziuola”: «Il concorso truccato per magistrati. Un avvocato svela la truffa del 1992» da “La Stampa”.

Lei se ne è uscita così

Parafrasando Dostoevskij: se la giustizia è morta tutto è possibile…

Ed è fin troppo pacata. Diamo per buona la notizia riportata che non ha nessuna delle caratteristiche della tipica bufala.

Significa che la magistratura italica è una cricca di corrotti farabutti.

E pretendono di essere il potere dello sDado che ci giudica e con superbia e sicumera!

Mi sale una rabbia che non vi dico.

Continua a leggere “In mano a farabutti”


Primo grado. La Corte condanna l’imputato a trent’anni di reclusione.
Secondo grado. La Corte assolve l’imputato per non aver commesso il fatto.
Cassazione. La Corte annulla il processo e ne dispone la ripetizione.

Un ingenuo può pensare che da qualche parte qualcuno ha sbagliato e dovrebbe incorrere in una sanzione di qualche tipo, visto che c’è di mezzo la vita delle persone.
Invece nessuno ha sbagliato perchè il sistema è congegnato in modo tale che diversi giudici possono avere sullo stesso fatto opinioni diverse.

Le sentenze sono opinioni.

Noi viviamo in questo paese.

E a un sacco di gente gli piace pure…

Sorgente: Questa breve riflessione di Mauro Gargaglione riproposta da Enrico Andrian

Deliri giudiziari

Pubblicato in: Le tasse sono una cosa bellissima, leviatano, MaGGistratura

Tesori romani ed odiosi burocrati


tesoro-romano“Selvino (Bg), scopre tesoro d’età romana, un operaio 54enne nei guai. In cerca di funghi, ha invece trovato un «tesoretto» con numerose monete antiche sul monte Podona. Lo scopritore L. M., classe 1962, è finito nei guai per aver indossato gli abiti dell’archeologo e, armato di metal detector, aver cercato e scavato per recuperare altri reperti, dopo aver trovato la prima moneta.

Ha contattato il Museo archeologico di Bergamo per avvisare del ritrovamento. È stato così indagato per presunta violazione in materia di ricerche archeologiche e impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato”.

Da ecodibergamo.it

Si è fidato dell’odioso, infingardo, vile voltagabbana stato italico…

Continua a leggere “Tesori romani ed odiosi burocrati”

Pubblicato in: MaGGistratura

Interiorizzare la paura


sara-di-pietrantonioSquall Leonhart scriveva qualche giorno fa della ragazza bruciata viva a Roma.

Ci sono diversi aspetti degni di nota nella questione. Lasciamo perdere i moralisti che strillano un nome da neo-lingua sessista per un omicidio efferato, aggravato da una particolare crudeltà. L’assassinio di una persona.

La notizia è che nessuno si sia fermato a soccorrere la ragazza. Vi siete chiesti il perché? Continua a leggere “Interiorizzare la paura”

Pubblicato in: MaGGistratura, Notizie buonine

Doina e gli sciocchi


Oggi bortocal si è lanciato in una scandalizzata lamentazione sulla questione di Doina Matei.

Francamente non ho letto tutto il suo pezzo, ma ho intravisto la classica reducio-ad-fascistum; non ho né il tempo né le energie né la voglia di seguire gli strepiti della questione ma certamente avrà visto tonnellate di commenti che non si conformano alla sua augusta e antropologicamente superiore opinione quindi posso anche giustificare il suo malcelato disgusto.

Peccato non abbia colto l’aspetto più importante

Continua a leggere “Doina e gli sciocchi”