Pubblicato in: Uncategorized

Sulle righe storte


LA TURCHIA HA BLOCCATO IL PROCESSO DI NEGOZIAZIONE SULL’INGRESSO DI FINLANDIA E SVEZIA NELLA NATO

Secondo il Financial Times, questo è stato riferito da una persona con conoscenza diretta della questione, che ha voluto mantenere l’anonimato.

Gli inviati degli stati membri si erano riuniti a Bruxelles per dare il via al processo di adesione, ma la Turchia ha bloccato tutto.

Secondo la Turchia c’è una contraddizione perché due paesi che supportano il terrorismo (riferendosi, probabilmente, al partito indipendentista curdo PKK, che ha molti membri attivi in Svezia e Finlandia) non possono essere alleati militari.

La Turchia ha chiesto che i terroristi vengano restituiti alla Turchia prima di qualsiasi negoziazione.

https://en.mehrnews.com/news/186959/Turkey-blocks-negotiations-on-Finland-Sweden-s-NATO-entry

Spero che quando i posteri rileggeranno questa notizia potranno catalogarla tra i casi in cui Dio scrive diritto sulle righe storte, mutando in bene le intenzioni di male .

Pubblicato in: Uncategorized

Non sono cambiati


“La Corte suprema tedesca stabilisce che la vaccinazione obbligatoria contro il COVID nel settore sanitario è costituzionalmente giustificata.

Il diritto all’integrità fisica è meno importante della protezione delle persone vulnerabili, secondo il tribunale.”

É passato un secolo e si sono ammantati di “democrazia” ma sotto sotto sono ancora visceralmente avversi alla libertà delle persone.

Alla larga

Pubblicato in: Uncategorized

Ci hanno costretto a stringere la cinghia per decenni, con i patti di stabilità hanno imposto regole capestro alle attività, ipertassato tutto, hanno inserito in costituzione una soglia di deficit comandata da Bruxelles, giustificando il tutto con le peggio scuse di catastrofi finanziarie. Hanno frantumato un sistema sanitario funzionante, hanno impoverito una nazione, un tempo florida e dalle grandi prospettive di crescita, al punto che non si riusciva a sistemare nemmeno le buche sulle strade, per non parlare del welfare, con cui ci hanno frantumato le scatole per anni e anni.
E ora, con uno schiocco di dita, gli euro per finanziare una guerra, per armare dei criminali e per sostenere centinaia di migliaia di profughi si trovano nell’immediato.
Siamo sempre più nauseati.

Pubblicato in: Uncategorized

Parla di se


Leggete cosa scrive Sacchetti (https://t.me/cesaresacchetti/6223). Mi sembra parli di se stesso.

C’è un’altra ragione importante che sta portando al fallimento della falsa controinformazione. Le persone si sono allontanate dai media ufficiali perché questi erano ricolmi di menzogne e propaganda terroristica e si sono riversate sulle piattaforme alternative per cercare quella verità che i media di regime tacevano. Una volta approdate da quest’altra parte, le persone hanno trovato una profusione di notizie false scritte con il chiaro intento di alimentare la paura e debilitare la loro resistenza. Il risultato naturale è stato un ulteriore allontanamento dagli agenti della opposizione controllata che ormai continuano a gridare istericamente, e anche ridicolmente, la venuta di scenari apocalittici ma non si sono accorti che la loro platea si è assottigliata enormemente.

La loro “credibilità” è evaporata del tutto non appena le restrizioni hanno avuto fine, quando invece questi agitatori della paura hanno per mesi prospettato ai dissidenti la deportazione nei campi di concentramento. A questo punto, il potere si ritrova privo del braccio destro dei media ufficiali, che da tempo hanno perduto la loro influenza, a al tempo stesso privo del braccio sinistro della falsa informazione alternativa. In altre parole, gli strumenti attraverso i quali il potere controllava e manipolava il pensiero delle masse sono stati completamente amputati.

Inviato da ProtonMail mobile

publickey – EmailAddress(s=raphael.pallavicini@protonmail.com) – 0x2B1DE907.asc

signature.asc

Pubblicato in: Uncategorized

GUARDA L’ACQUA


Così si chiama il documentario più cliccato sul web negli ultimi giorni dove Stew Peter ospita il Dott. Brayan Ardis, portando documentazioni scioccanti riguardo alla natura del sars-cov2
Tradotto e suddiviso in italiano qui in esclusiva.

Resta solo una cosa da fare condividerlo!

fonte https://rumble.com/v10mnew-live-world-premiere-watch-the-water.html

t.me/LaVoceAlternativa/1692


Io ho un figlio di 15 anni,e fino a 3 mesi fa ho dovuto lottare e litigare tutti i giorni per non farlo sierare. È stato un periodo tremendo,ma oggi mi ringrazia perché alcuni compagni di squadra tri-dosati non reggono più i 90 minuti in campo, non hanno fiato, non cedete genitori.

Paola su Twitter

DG, non ti scomodare a dire che l’account è inventato, che è sempre stato così, che non c’è riscontro eccetera.

Periodacci


Gli ucraini non pagano il pedaggio in autostrada. E ci comandano

Gli ucraini non pagano il pedaggio in autostrada. Quando ho letto la notizia ho subito pensato ad una battuta, una cosa tipo Lercio, una barzelletta che finalmente sfotte la situazione di sudditanza morale degli italiani verso il popolo di Zelens’kyj.

Poi ho controllato il messaggio: la cosa sembrava più seria, non c’era traccia di umorismo. Forse era una nuova trovata, finalmente originale, di micropropaganda Azov, tipo «casellante autostradale italiano lascia passare pullmino di profughi di Leopoli». Ci sta. Anni fa si passava per l’Iran in macchina: quando il casellante veniva a sapere che eravate italiani, faceva passare senza pagare nulla. Fu un momento magico di amicizia fra i popoli.

No, non è nemmeno una notizia di colore. Il messaggio su Telegram ha un link. Non è il sito di un giornale, è, per direttissima, un link al sito della Società Autostrade.

«Ai sensi e per gli effetti dell’Ordinanza n. 876 del 13 marzo 2022 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile, si comunica l’esenzione dal pagamento del pedaggio autostradale per i transiti effettuati da cittadini ucraini, e/o soggetti comunque provenienti dall’Ucraina, che entrano nel territorio italiano per raggiungere il primo luogo di destinazione o di accoglienza».

Proprio così. Gli ucraini non pagano l’autostrada. Tutto vero.

Pensavate di aver visto tutto, con la storia degli ucraini – vaccinati neanche al 30%, e chissà con cosa – e l’esenzione dal super green pass?

Credevate che con la sostituzione dei sanitari no-vax con lavoratori ucraini si fosse raggiunto il fondo?

Macché. Hanno appena cominciato.

Dovete prepararvi a titoli a decreti pro-Kiev eccezionali: «gli ucraini esentati dalla fila al supermercato», «i rifugiati ucraini possono passare con il rosso», «soffiarsi il naso senza fazzoletto: gli ucraini possono», «gli ucraini possono detenere armi da guerra» – pardon, questa ultima è vera, anche se al momento solo nel loro Paese, e sono armi da guerra che sta regalando il contribuente italiano.

Di fatto non c’è nulla di che scherzare.

Avevamo già visto, in passato, questo senso di sudditanza psicologica nei confronti di popoli ritenuti «martiri». Come non ricordare il terzomondismo – cioè l’idea che siccome vieni da un Paese povero e corrotto (anche a decenni dalla decolonizzazione) allora hai ragione – dei centri sociali, magari con accenti nordafricano-arabeggianti negli anni Novanta e primi Duemila (cioè, prima di capire che ai maghrebini non interessava esattamente il movimentismo comunista).

Come dimenticare gli Inti-Illimani, 50 anni di carriera come portatori della sofferenza inflitta al popolo cinese dal golpe di Pinochet. El pueblo unido jamás será vencido.

Oriana Fallaci, nella sua fase anti-islamica e filo-israeliana lamentò lo strapotere degli studenti palestinesi nelle università europee: chissà se aveva ragione, però la carta del popolo-martire, ai tempi di Arafatto, funzionava alla grandissima.

Possiamo capirlo, è un fenomeno umano. Incontrare nel 1993 una signora che ti dice che viene da Vukovar non poteva non sortire effetto – anche se, di fatto, chi scappava dai Balcani in Italia o in Germania non si comportava esattamente da vittima.

Il problema è che l’Ucraina – Paese che qualora entrasse in Europa sarebbe paradossalmente il più grande e di gran lunga il più povero, nonostante la ricchezza di risorse – non si ferma alle autostrade gratis.

Lo vediamo sempre più spesso: l’Ucraina comanda.

Lo si vede molto bene in televisione. Un programma di La7 invita con costanza imbarazzante un ragazzo italofono, che crediamo si colleghi dal suo Paese. Definito giornalista, il giovane per qualche motivo non pare essere al fronte, a meno che non spari con qualche battaglione runico negli orari in cui non è ospite di Giletti.

Il ragazzo è partito indossando gli occhiali e cercando di offrire la sua opinione. Ora, senza lenti, si autoinquadra nella telecamerina del PC collegato con la nostra TV nazionale in modo irruento, il volto ossuto e stempiato, le urla a interrompere chiunque, da Franco Cardini (chi ci tocca di difendere!) a Luca Telese …

Proprio con il genero di Enrico Berlinguer va in onda una prima prepotenza interessante. Il Telese ogni tanto ha avuto dei momenti di lucidità, come quando di recente si è domandato se dopo la balla della strage al teatro di Mariupol’ – quella che, in assenza di corpi da esibire, le stesse autorità ucraine dovettero smentire – se dobbiamo credere a quel che vediamo (poco dopo gli hanno dato la strage di Bucha, forse avrà cambiato idea, non sappiamo).

Ecco quindi che nello spezzone di YouTube, Telese accenna alle svastiche del Battaglione Azov, al quale, si rende incredibilmente conto, «non possiamo dare armi», in quanto sono «milizie nazifasciste … che c’ha le rune della Seconda Guerra Mondiale sulla spallina». La preoccupazione, dice, gli arriva dal «New York Times, non dal Manifesto».

La risposta, sempre gridata: «il New York Times ha scritto tante boiate». Il Battaglione Azov, spiega, in realtà «è un reggimento». Quindi, «come si può dare ad un reggimento della Guardia Nazionale … finanziato dallo Stato … che porta la bandiera ucraina … dire che sono neonazisti? Ma stiamo scherzando?»

Mica è finita. Dulcis in fundo: «non è una svastica! Si informi! È una runa … la smetta con queste SS! Guardi che le rune sono esistite prima delle SS … e la svastica si trova anche per esempio nei templi in India, o no? Si trovano o no le svastiche nei templi in India? Si trovano … Voi dite che sono neonazisti … non è vero!»

E niente. Glielo lasciano dire, così, tranquilli. Nessuno si dissocia, nessuno si imbarazza. È bellissimo.

Pensiamo all’occasione persa per tanti poveri ultras di tutta Europa – potevano andare in curva con le croci uncinate su striscioni, e in caso dire alle forze dell’ordine, ai giudici, ai giornalisti: «embè, la svastica ci stava da prima di Hitler. Non ce l’abbiamo perché abbiamo appena fatto un viaggio in Tamil Nadu, alla ricerca della spiritualità indiana, nei templi induisti tra lingam e scimmiette.

Queste rune non c’entrano col Terzo Reich: sono celtiche, anzi etrusche, anzi, guardi che anche il venetico usava una scrittura simile, stiamo per dare in massa l’esame di epigrafia preromana».

La voglia di ridere ci passa quando Youtube ci offre un altro video simile. Il solito personaggio ucraino – dicono giornalista – è alle prese con un altro ospite in collegamento, un giornalista russo.

L’ucraino gli urla ripetutamente nella lingua di Leone Tolstoj. «Complimenti, mi sta offendendo in russo sulla TV italiana» tenta di abbozzare il moscovita.

Ma questo non è nulla: con fare ieratico, l’ucraino riprende la parola, in italiano.

«Per tutti coloro, che sono i mandanti, per tutti i propagandisti, e gli esecutori dei crimini contro i civili ucraini, dovete avere paura fino all’ultimo giorno della vostra misera esistenza. Ridi finché puoi, ridi. Poi non riderai più. Abbi paura, fino alla fine dei tuoi giorni. Perché noi vi troveremo tutti. Come ha fatto Israele dopo il ’72, dopo l’attentato, troveremo tutti e li puniremo. E capirete, finalmente la lezione di Dostojevskij, del Delitto e del Castigo»

Segue altra espressione in lingua slava.

“Potete guardare il video qui sopra è controllare”. Sì, è successa una cosa del genere, sulla TV italiana.

Un cittadino ucraino ha lanciato una minaccia – fantastorica, ma dettagliatissima – contro un cittadino italiano. Forse è legale, non sappiamo. Di certo nessuno l’ha interrotto, anche quando chiaramente stava raschiando il fondo della sua fantasia.

Fantasia che tuttavia per lo spettatore italiano – quello per il quale Putin sta perdendo la guerra, e le sanzioni sono una idea geniale – può essere scambiata per realtà. In questo universo parallelo, dove si compirà la tremenda vendetta dell’ospite di Giletti, l’Ucraina vincerà la guerra e manderà dei kidon (le squadre killer del Mossad) ad ammazzare maree di russi.

Il rimando diretto è alla vendetta contro i palestinesi ritenuti responsabili della strage delle Olimpiadi di Monaco, la storia, negata da Israele per le patenti violazioni del diritto internazionale – uno, ricorderete, fu ucciso a Roma – divenuta il film di Steven Spielberg Munich. Perfino Spielberg e il suo sceneggiatore, ambedue ebrei, nel film lasciano trapelare qualche dubbio: giusto vendicarsi in giro per il mondo, facendo sparatorie e piazzando bombe in casa d’altri?

Per l’ucraino la prospettiva è accettabile. Così come potrebbe esserlo quella del caso del rapimento da parte dei servizi dello Stato Ebraico del nazista Adolf Eichmann per portarlo a processo, e condannarlo a morte, in Israele. Anche quello un po’ spinosetto, e non esattamente digerito dal diritto internazionale: Ian Shapiro, grande politologo di Yale, apre il suo corso di Filosofia Morale dello Stato indicandone le non piccole contraddizioni.

Non importa: ci viene detto che gli ucraini, in termini della futura vendetta, la pensano già come gli israeliani. La qualcosa è una paradossale conferma dell’influenza dell’ideologia Azov sul mainstream ucraino: in un’intervista del 2018, il fondatore del Battaglione Azov Andriy Biletsky ha spiegato di considerare Israele e il Giappone come modelli per lo sviluppo dell’Ucraina. Stati mono-etnici, dove ottenere la cittadinanza, al di fuori di precisi requisiti di razza, è pressoché impossibile. Stati che sono, con il neanche tanto segreto placet americano, armati fino a denti in modo “illegale”: Israele ha 200 e passa testate atomiche non dichiarate, il Giappone è pacifista per Costituzione ma nelle sue «forze di autodifesa» (basta non dire «esercito», una parola anticostituzionale) ha più caccia della Gran Bretagna.

Insomma, gli ucraini, sulla TV italiana, comandano. Possono dire qualsiasi cosa. Possono insultare, mentire in modo ridicolo, ingenerare fantasie minacciose.

Nessuno li ferma. Sbarra alzata. Casellante arreso. Nessun pedaggio.

La cosa non si limita, tuttavia, alla grottesca televisione nazionale dello Stivale.

Se ci pensate, la prepotenza è uno dei tratti precipui dell’opera mediatica di Zelens’kyj e dei suoi ministri.

In collegamento da un bunker dello Stato più povero e corrotto di Europa, un Paese che ha portato alla distruzione, Zelens’kyj chiede più armi. Costantemente.

Zelens’kyj chiede la no-fly zone, perfettamente conscio del fatto che Putin ha detto che a chiunque tenti di istituirla la Russia dichiarerà guerra seduta stante.

Zelens’kyj chiede i MiG polacchi.

Zelenskyj chiede missili antiaerei S-300 (di fabbricazione russa…)

Zelens’kyj chiede più sanzioni.

Zelens’kyj chiede che la Russia sia espulsa dal Consiglio di Sicurezza ONU.

Zelens’kyj chiede ancora armi.. Anzi, chiede «l’1% dei caccia e dei carrarmati NATO»

Ambasciatori e ministri ucraini dicono ai Paesi che usano il gas russo che devono farne a meno, subito. Lo pretendono, lo ordinano. Anzi, non basta solo il gas: gli altri Paesi devono rinunciare a qualsiasi cosa.

«Non è solo il gas russo, è petrolio, carbone, metalli, diamanti e altre materie prime. Noi (Ucraina) siamo diventati la più grande vittima di questa relazione perversa. Gli ucraini stanno pagando con la vita questa politica tedesca fallita», ha detto l’ambasciatore ucraino in Germania Andrij Melnyk all’agenzia Reuters poche ore fa.

«Questo tipo di ipocrisia con la Russia risale al Nord Stream 1 (gasdotto)», ha affermato Melnyk. «L’enorme dipendenza della Germania dalla Russia, in un momento della peggiore aggressione dalla seconda guerra mondiale, è vergognosa».

Notate anche qui, come nel caso del tizio della TV italiana: l’ucraino comanda, e insulta.

La cosa bella è che i tedeschi, per motivi psicanalitici che ora non vogliamo nemmeno affrontare, tacciono.

Si fanno comandare, e insultare, dall’ucraino. Un po’ come i sanitari italiani, che pagano l’autostrada mentre i profughi ucraini prendono il loro posto di lavoro in ospedale.

Va tutto bene: noi intanto continuiamo a trasmettere. Zelens’kyj parla al Parlamento italiano. Zelens’kyj parla al Congresso USA. Zelens’kyj parla ai deputati inglesi. Zelens’kyj parla alla Knesset, il Parlamento israeliano, e paragona la situazione ucraina all’Olocausto: glielo lasciano fare, anche se qualcuno, che magari ha avuto i nonni deportati nei campi dalle truppe ucraine di Stepan Bandera, si è inalberato.

Zelens’kyj parla al premio Grammy, anche se agli Oscar, con grande scorno dello Sean Penn, invece non ce lo hanno voluto.

Zelens’kyj chiede che la Russia sia «portata alla giustizia».

Zelens’ky chiede se l’Occidente non abbia per caso paura della Russia, visto che non gli arriva la quantità di armi necessaria. (Mentre, come riportato da Renovatio 21, alcuni foreign fighter sono scappati perché mandati al fronte senza armi e senza munizioni).

È pazzesco. Richieste continue, isteriche, ondivaghe, di un egotismo totale: si rende conto il presidente ucraino che armare l’Ucraina significa portare il mondo a pochi metri dall’abisso termonucleare della Terza Guerra Mondiale?

La risposta è: sì. È l’unico modo che ha per sopravvivere, lui e i nazisti che lo circondano. Senza Terza Guerra Mondiale, l’Ucraina – nonostante la propaganda allucinatoria occidentale – verrà spazzata via con tutta la sua élite, e quindi «denazificata». Immaginiamo che succederà quello che successe a Norimberga. Forse no, forse i processi saranno diversi, o non ci saranno.

Ad ogni modo, voi capite il perché di questa tracotanza, di questa chuzpah, del mendicante che pretende di scegliere, del poveraccio che strepita e comanda. Alternative non ce ne sono. Urlando imperiosamente, fanno dimenticare al mondo, e forsanche a loro stessi, la loro situazione: un Paese bello e ricco distrutto da decadi di cleptocrazia oligarchica (miliardi di debito internazionale pur partendo con zero debito nel 1992, poche o nessuna infrastruttura creata), con una politica talmente corrotta e idiota da aver portato la guerra per sfinimento della pazienza del Cremlino – il quale ha dimostrato di averne riserve che possono durare anche anni, ma ad una certa, bum. Tutto debitamente annunciato per tempo, peraltro.

Ma non disperate: la vittoria finale della bandiera gialloblù e vicina, e quindi lo sarà anche la resa dei conti, su modello «israeliano» o meno che sarà.

Tuttavia la a situazione, quando il comico che suona il piano con il pene avrà vinto eroicamente la sua guerra contro Putin, diverrà brutta non solo per i filorussi. Lo sarà anche per certi ucraini, soprattutto quei pochi maschi che – segreto che i giornali non vi dicono – sono riusciti a passare il confine, dove i doganieri di Kiev trattengono gli uomini 18-60 anni per farne carne da cannone.

Leggiamo su un canale Telegram che il capo del Consiglio di sicurezza e difesa e nazionale di Kiev avrebbe appena affermato che «Tutti gli uomini che hanno lasciato l’Ucraina dopo l’inizio delle ostilità saranno fermati al ritorno. “Dovranno spiegare dove e come sono riusciti ad attraversare il confine”». Danilov ha sottolineato che tutti gli uomini che hanno lasciato l’Ucraina sono stati registrati.

Riuscite a capire con chi abbiamo a che fare? Ricordate cosa è successo al negoziatore?

Volete credere alle cose che vi urlano, alle immagini che vi mostrano?

Volete ascoltare le storie che vogliono obbligarvi a credere?

Davvero: volete prendere ordini da questi?

Volete farvi insultare, e nel frattempo distruggere i vostri interessi, perdere il lavoro, passare l’inverno al freddo, esperire per la prima volta in generazioni la fame?

Se la risposta è sì abbiamo per voi una buona notizia: abbiamo il governo giusto per procedere in questa generazione direzione.

Se la risposta è no, è il caso di dire: diamoci una svegliata.

Perché, dopo il COVID, stiamo avendo, a bruciapelo, un altro caso conclamato di «psicosi di formazione di massa».

Con la differenza che dall’amore per le molecole di mRNA stiamo passando per ipnosi massiva a quello degli atomi di uranio delle bombe che possono mettere fine alla Civiltà umana.

Massimo Grecchi via FB

Urca gli Ukra