«Se fosse mai esistita una cattiva idea, questa è l’Unione Monetaria Europea».

Rudiger Dornbusch, “Euro fantasies”, Foreign Affairs, vol. 75, n. 5, settembre/ottobre 1996. via Alessandro GRECO @Pgreco

Annunci

«Abolendo gli aggiustamenti del tasso di cambio si trasferisce al mercato del lavoro il compito di adeguare la competitività e i prezzi relativi. diventeranno preponderanti recessione, disoccupazione»

Rudiger Dornbusch, “Euro fantasies”, Foreign Affairs, vol 75, n.5 Sett/Ott 96 via Alessandro GRECO @Pgreco


«Una volta entrata (nell’euro, ndr) l’Italia, con una valuta sopravvalutata, si troverà di nuovo alle corde, come nel 1992, quando venne attaccata la lira»

Rudiger Dornbusch, “Euro fantasies”, Foreign Affairs, vol. 75, n. 5, settembre/ottobre 1996.9:30 AM · 1 ago 2019· via Alessandro GRECO @Pgreco


L’omosessualità in sé non mi turba affatto. Non mi chiedo nemmeno da che cosa dipenda. Mi dà fastidio, invece, quando (come il femminismo) si trasforma in ideologia. In categoria, in partito, in lobby economico-cultural-sessuale. E grazie a ciò diventa uno strumento politico, un’arma di ricatto, un abuso Sexually Correct.

O-fai-quello-che-voglio-io-o-ti-faccio-perdere-le-elezioni.

Pensi al massiccio voto con cui in America ricattarono Clinton e con cui in Spagna hanno ricattato Zapatero. Sicché il primo provvedimento che Clinton prese appena eletto fu quello di inserire gli omosessuali nell’esercito e uno dei primi presi da Zapatero è stato quello di rovesciare il concetto biologico di famiglia nonché autorizzare il matrimonio e l’adozione gay.

Un essere umano nasce da due individui di sesso diverso. Un pesce, un uccello, un elefante, un insetto, lo stesso. Per essere concepiti, ci vuole un ovulo e uno spermatozoo. Che ci piaccia o no, su questo pianeta la vita funziona così. Bè, alcuni esperti di biogenetica sostengono che in futuro si potrà fare a meno dello spermatozoo.

Ma dell’ovulo no. Sia che si tratti di mammiferi sia che si tratti di ovipari, l’ovulo ci vorrà sempre. L’ovulo, l’uovo, che nel caso degli esseri umani sta dentro un ventre di donna e che fecondato si trasforma in una stilla di Vita poi in un germoglio di Vita, e attraverso il meraviglioso viaggio della gravidanza diventa un’altra Vita. Un altro essere umano. Infatti sono assolutamente convinta che a guidare l’innamoramento o il trasporto dei sensi sia l’istinto di sopravvivenza cioè la necessità di continuare la specie. Vivere anche quando siamo morti, continuare attraverso chi viene e verrà dopo di noi. E sono ossessionata dal concetto di maternità. Oh, non mi fraintenda: capisco anche il concetto di paternità. Lo vedrà nel mio romanzo, se farò in tempo a finirlo. Lo capisco così bene che parteggio con tutta l’anima pei padri divorziati che reclamano la custodia del figlio. Condanno i giudici che quel figlio lo affidano all’ex-moglie e basta, e ritengo che nella nostra società oggi si trovino più buoni padri che buone madri. (Segua la cronaca. Quando un padre impazzito ammazza un figlio, ammazza anche sé stesso. Quando una madre impazzita ammazza un figlio, non si ammazza affatto e va dal parrucchiere). Ma essendo donna, e in più una donna ferita dalla sfortuna di non esser riuscita ad avere figli, capisco meglio il concetto di maternità………Ma qualcun altro me lo chiederà.

Quindi ecco. Un omosessuale maschio l’ovulo non ce l’ha. Il ventre di donna, l’utero per trapiantarcelo, nemmeno. E non c’è biogenetica al mondo che possa risolvergli tale problema. Clonazione inclusa. L’omosessuale femmina, si, l’ovulo ce l’ha. Il ventre di donna necessario a fargli compiere il meraviglioso viaggio che porta una stilla di Vita a diventare un germoglio di Vita poi un’altra Vita, un altro essere umano, idem. Ma la sua partner non può fecondarla.

Sicché se non si unisce a un uomo o non chiede a un uomo per-favore-dammi-qualche-spermatozoo, si trova nelle stesse condizioni dell’omosessuale maschio. E a priori, non perché è sfortunata e i suoi bambini muoiono prima di nascere, non partecipa alla continuazione della sua specie. Al dovere di perpetuare la sua specie attraverso chi viene e verrà dopo di lei. Con quale diritto, dunque, una coppia di omosessuali (maschi o femmine) chiede d’adottare un bambino? Con quale diritto pretende d’allevare un bambino dentro una visione distorta della Vita cioè con due babbi o due mamme al posto del babbo o della mamma? E nel caso di due omosessuali maschi, con quale diritto la coppia si serve d’un ventre di donna per procurarsi un bambino e magari comprarselo come si compra un’automobile? Con quale diritto, insomma, ruba a una donna la pena e il miracolo della maternità? Il diritto che il signor Zapatero ha inventato per pagare il suo debito verso gli omosessuali che hanno votato per lui?!? Io quando parlano di adozione-gay mi sento derubata nel mio ventre di donna. Anche se non ho bambini mi sento usata, sfruttata, come una mucca che partorisce vitelli destinati al mattatoio. E nell’immagine di due uomini o di due donne che col neonato in mezzo recitano la commedia di Maria Vergine e San Giuseppe vedo qualcosa di mostruosamente sbagliato. Qualcosa che mi offende anzi mi umilia come donna, come mamma mancata, mamma sfortunata. E come cittadina. Sicché offesa e umiliata dico: mi indigna il silenzio, l’ipocrisia, la vigliaccheria, che circonda questa faccenda. Mi infuria la gente che tace, che ha paura di parlarne, di dire la verità. E la verità è che le leggi dello Stato non possono ignorare le leggi della Natura. Non possono falsare con l’ambiguità delle parole «genitori» e «coniugi» le Leggi della Vita.

Lo Stato non può consegnare un bambino, cioè una creatura indifesa e ignara, a genitori coi quali egli vivrà credendo che si nasce da due babbi o due mamme non da un babbo e una mamma. E a chi ricatta con la storia dei bambini senza cibo o senza casa (storia che oltretutto non regge in quanto la nostra società abbonda di coppie normali e pronte ad adottarli) rispondo: un bambino non è un cane o un gatto da nutrire e basta, alloggiare e basta. E’ un essere umano, un cittadino, con diritti inalienabili. Ben più inalienabili dei diritti o presunti diritti di due omosessuali con le smanie materne o paterne. E il primo di questi diritti è sapere come si nasce sul nostro pianeta, come funziona la Vita nella nostra specie. Cosa più che possibile con una madre senza marito. Del tutto impossibile con due «genitori» del medesimo sesso.

Oriana Fallaci

Non mi turba …


La grande finanza è internazionale, opera senza regole, quando guadagna festeggia nel silenzio del suo mondo, ma quando perde ce ne accorgiamo subito perchè getta su di noi i suoi guai.

C’è uno spettro che ora si aggira nella finanza mondiale, la gran quantità di titoli tossici che ancora sono in circolazione. L’Umanità si è evoluta anche nell’economia ma non ha saputo sviluppare seriamente le sue strutture di controllo secondo il ritmo richiesto dalla rapidità delle contrattazioni, dei mutamenti tecnologici, industriali e politici nel mondo. E sentiamo i rappresentanti dei grandi movimenti finanziari che ci stanno avvisando…sta arrivando una crisi e voi non siete in grado di sostenerla …
Ecco, credo che riprendano vita le parole di Henry Ford:

“È un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema bancario e monetario, perché se accadesse credo che scoppierebbe una rivoluzione prima di domani mattina.”

Di Giulio Rossi Di Valdisole su faccialibro.

Senza regole


L’investitura politica, con il passare del tempo, è diventata soprattutto, e primariamente, «mandato a tassare»: cioè licenza che i cittadini (inconsapevoli) accordano ai governanti di manipolare i loro redditi, e dunque una ricchezza «privata», la quale, se accumulata nel rispetto della legge, dovrebbe essere invece intangibile.

È evidente infatti che su quanto una persona guadagna – vivendo in mezzo ai suoi concittadini, scambiando le sue prestazioni con loro e osservando le regole giuridiche del «mercato»- né i concittadini stessi né i detentori del potere possono vantare alcuna pretesa, fondata sul diritto naturale.

Gianfranco Miglio

Via Caterina Dei Tanesco su faccialibro

Licenza di uccidere


Molti Putin boys sono rimasti all’antiamericanismo duro e puro. Posizione sciocca come spiega benissimo Cristiano Nisoli

“Piuttosto che Arlecchino servo di due padroni, meglio il migliore, e l’America attuale batte la Germania del IV reich.

2- Se non vuoi essere servo, esistono anche alleanze tattiche. L’interesse Americano é o cooptare la UE come servo sciocco atlantista (Bush-Obama) o ridimensionarla (Trump). Il nostro interesse non é distruggere l’Europa ma una Europa diversa. Ma tempo al tempo.

3- Ci sono 40 basi USA in Italia. Liberarsene, nel lungo termine, sarebbe positivo, ma per ora così stanno le cose. Una Europa diversa aiuterebbe.

4- Se non abbiamo un governo del presidente (Cottarelli) di quelli del “cedere sovranità”, per cui per un piatto di lenticchie diventiamo Africa, é perché uno zio d’America ha sfondato il culo alla mummia sicula e deve averlo fatto godere di brutto, perché in due giorni ci ha ripensato, a quattro-e-qruattr’otto subito ecco che appare il governo Conte. Un po’ di riconoscenza agli Yankee.

5- Persino sotto Sant’Obama dalle Lacrime Taumaturgiche i funzionari USA al FMI si rifiutarono di agevolare il golpe Merkel-Sarkozy-Napolitano anzi lo denunciarono privatamente in scritti, articoli e libri (mai riportati dalla stampa nostrana). Di nuovo, un po’ di riconoscenza agli Yankee…”

Via Andrea Sartori

 

Sciocche posizioni