Non è che un paese più è istruito e più è ricco. È che più è ricco e più è istruito.

Non è che un paese più è eco-friendly e più è ricco. È che più è ricco e più è eco-friendly.

Non bisogna investire in istruzione e green-economy. Bisogna lasciare la gente libera di arricchirsi. (nonexpedit)

Renato LvMises Lanzini via faccialibro

Anche lo Stato è soggetto alla legge malthusiana. Tende a superare il livello dei suoi mezzi di esistenza, cresce in proporzione a questi mezzi. Guai a chi non saprà come limitare la sfera di azione dello Stato. Libertà, attività privata, ricchezza, benessere, indipendenza, dignità… tutto ciò finirà.

Frédéric Bastiat

Questa citazione disegna perfettamente il disastro dello stato italiano. Maledetto leviatano!


Mitico, il buon Andreas Arno Michael Voigt, che oggi scrive:

Ragazzi, non sono gli italiani ad essere sulla graticola.

È lo Stato Italiano che è in crisi.

È lo Stato Italiano che è indebitato.

E per come stanno le cose, l’assunzione che voi siete lo Stato, non è più vera da un pezzo.

Solo che lo Stato per mantenersi in vita cerca di affogarvi.

Ma qualcosa mi dice che morirà prima lo Stato di voi.

Diamine!In Italia son passati mille padroni, uno più uno meno, che importanza ha? Finirà anche questo.

Quanto mi auguro che abbia davvero ragione!

C’è speranza


E se fosse la Francia invece a rischiare fortemente di saltare per aria?

E non tanto per il debito pubblico ma per quello privato?

E se le Banche francesi sono in questo momento le grandi malate in Europa?

E se la Bundesbank cerca di arginare il problema della deflagrazione devastante che avverrebbe se le banche francesi dovessero crollare?

Siamo davvero sicuri che il problema sia l’Italia?

Lo ripeto, le banche francesi sono stracolme di titoli pubblici italiani che sono gli unici che generano interessi positivi.

Le banche francesi sono stracolme di NPL e sono esposte con un enorme debito privato interno.

Se l’Italia trema, loro se la fanno sotto.

Che razza di casino!

Così Andreas Arno Michael Voigt su faccialibro

Codesta notiziuola è preziosissima! E poco divulgata!

Non voglio il male dei cugini d’oltralpe ma sarebbe una soddisfazione somma vederli capitolare nel modo suddetto…


Il Giornale non si può leggere, è spudoratamente di parte. Libero non si può leggere, è di parte. Il Fatto Quotidiano è fazioso, la Stampa ormai è chiacchiera di regime, Il Corriere della Sera è buono per avvolgerci le uova fresche, il Messaggero, il Quotidiano Nazionale Resto del Carlino, Il Mattino, il Giorno, la Sera, la Notte, il Sole24Ore, la serie dei Gazzettini, tutto cartame buono per il barbecue.

Se passiamo ai TG1, TG2, TG3, TG4, TG5, TG7 di ogni grado, genere, tipo, prima serata, seconda serata, preserata, notte, mattino presto, tarda mattinata … E’ un tripudio di informazioni faziose, capziose, false, inutili e che piegano la volontà della mente anche del più incorruttibile degli incorruttibili e che ogni santo giorno, goccia dopo goccia insinuano nel cervello una verità manipolata quel tanto che basta per non essere considerata fake ma che ad una analisi attenta è la più colossale delle fandonie.

L’unica testata seria è Lercio

L’unica seria


Il popolo italiano dovrebbe essere grato al governo Conte – Zingaretti che lo ha barattato per restare ancora un poco al potere.
Commissione ed Ecb ‘controlleranno’ l’Italia come gli aguzzini i vogatori sulle galere.

Mes spunta la “sorveglianza rafforzata”. Commissione e Bce controlleranno Roma – Affaritaliani.it

Continua a leggere “Come gli aguzzini sulle galere”

Come gli aguzzini sulle galere


La quasi totalità delle leggi dello stato servono a garantire l’incasso della refurtiva che garantisce una grassa bistecca ai suoi scherani che raccolgono consensi “democratici” gettando briciole ai sudditi. I briciolari sono i cani da guardia della schiavitù democratica, l’unica condizione umana che gli consente di sopravvivere. È questo sistema che sopprime le eccellenze, relegando l’uomo in un medio evo socialista di equa miseria.

Alan Peter Fortebraccio l’ha pubblicato su faccialibro. Ma quanto ha ragione!

L’incasso della refurtiva