Pubblicato in: Uncategorized

Gaza, fuoco su un kibbutz ucciso un bimbo israeliano Hamas giustizia 18 “spie”.

Cvd come volevasi dimostrare. Hamas considera come traditori e quindi da uccidere non solo chi li avversa ma anche chi ha avuto la sfortuna di passare vicino agli obiettivi dei bombardamenti e chi si rifiuta di fare da scudo umano.
Se non fai da scudo umano ti sgozzano, se fai da scudo umano ti fanno crivellare dai proiettili destinati a loro, ad Hamas.
Traete voi le vostre conclusioni.

Triskel182

Daniel“Colpo di mortaio partito da una scuola dell’Onu” Nella Striscia i “collaborazionisti” fucilati in pubblico.

ASHKELON – Un bambino di cinque anni ucciso in un kibbutz da un colpo di mortaio (sparato da una scuola dell’Unrwa, secondo lo Stato ebraico), una sinagoga distrutta da un razzo, missili in tutto il sud e su Tel Aviv. E diciotto “collaborazionisti” assassinati a sangue freddo a Gaza. Il venerdì della vendetta, promessa da Hamas dopo che gli israeliani avevano ucciso tre comandanti militari (e probabilmente anche il capo delle brigate Ezzedin al-Qassam Mohammed Deif) è andato come a Gaza avevano programmato. Forse, dal loro cinico punto di vista, anche meglio, con il primo morto di Israele dopo la rottura della tregua decisa da Hamas martedì scorso. Oltre cento razzi sono partiti da Gaza e la risposta israeliana non si è fatta attendere.

View original post 273 altre parole

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.