In evidenza
Pubblicato in: Uncategorized

Sbannatevi col Fediverse!


Un breve messaggio per chi viene ripetutamente bannato da Facebook o Twitter

Fatevi un vostro nodo sulla rete sociale libera, ossia con Mastodon o GNU Social o Pleroma e altre, informalmente e collettivamente etichettate Fediverse

Se non ne avete le competenze tecniche andate su https://joinmastodon.org/

Certo l’ideale per essere sicuri di non essere bannati è farsi il proprio server, preferibilmente in una giurisdizione che protegge la privacy e i diritti umani come quella svizzer ma è al di là delle capacità della stragrande maggioranza.

Aggiornamento: alla fine mi sono iscritto su mastodon.uno. Mi trovate per ora come @rpallavicini@mastodon.uno. Per ora perché con mio sommo disappunto ho scoperto che le mie idee non piacciono ai gestori di mastodon.uno

Secondo aggiornamento: credo che qualcuno dei miei 6 lettori potrebbe trovarsi a suo agio su https://liberdon.com/about

Pubblicato in: Uncategorized

Le competenze dell’OMS


Vorrei ricordare le competenze mediche dellOMS😂 : basta leggere questo articolo del 1984

 DODICI I MALATI DI AIDS IN ITALIA UN NUOVO CASO SCOPERTO A GENOVA

ROMA - "Un rischio di trasmissione dell' Aids attraverso la trasfusione di sangue per ora non è dimostrato". Lo ha affermato l' Oms in una comunicazione e a questa si appella l' Istituto superiore di sanità per valutare la decisione del centro trasfusionale dell' ospedale di Padova e di altri ospedali e centri del Veneto di non accettare il sangue di omosessuali. Donato Greco, che dirige la ricerca avviata in Italia da oltre un anno, aggiunge che anche negli Stati Uniti si ritiene che "il rischio non provenga dalle trasfusioni, ma dall' estratto di una delle frazioni del sangue usato per gli emofilici, conosciuto come "fattore VIII", per ottenere il quale occorrono grandi quantità di sangue. In Italia sono attualmente 12 i malati di Aids, malattia gravissima per la quale non c' è ancora un rimedio certo. Fernando Aiuti, direttore della cattedra di immunologia dell' Università di Roma, massimo esperto italiano, lo conferma e dice che il caso nuovo si è verificato a Genova.
Fonte:
DODICI I MALATI DI AIDS IN ITALIA UN NUOVO CASO SCOPERTO A GENOVA

La scienza, quella vera procede ad esperimenti e verifiche. Perfino nelle cosiddette Scienze dure.

E la medicina non è nemmeno una scienza. È una “pratica”:

La medicina è la pratica supportata da scienze che studia le malattie del corpo umano al fine di garantire la salute delle persone

Pubblicato in: Facce da gluteo

Scusa non richiesta…


Un proverbio recita:

Scusa non richiesta, accusa manifesta

AstraZeneca, una trombosi su 2,5 milioni (0,000095%): un uovo è più pericoloso

Va bene , va bene, i saggi ci dicono che sia più probabile che mi rimbalzi un asteroide tra le chiappe nella prossima mezz’ora.

Preferisco rischiare di beccarmi il covid perché qualcosa non mi torna. Non ho tenuto traccia, ma io di gente “schiattata” subito dopo il vaccino e per trombosi mi pare di averne sentite più d’una.

Pubblicato in: Uncategorized

Il generale Šapošnikov, quello che non sparò | La Nuova Europa


Il generale Šapošnikov, quello che non sparò

La Nuova Europa – Durante le dimostrazioni di Novočerkassk, il generale Šapošnikov non mandò i carri armati contro la folla: non sparò, ma pagò duramente.

 

Non conoscevo “La Nuova Europa”, ma pare valga davvero la pena di seguirli:

La rivista, nata nel 1960 col titolo “Russia cristiana ieri e oggi”, è stata il primo e fondamentale strumento per diffondere la conoscenza delle ricchezze della tradizione russa. Dagli anni ’60 ha fatto conoscere per la prima volta in Italia il samizdat, l’editoria clandestina espressione della cultura antitotalitaria. Nel 1985 la rivista prende il titolo di “L’Altra Europa”, ampliando i suoi interessi a tutto l’Est. Nel 1992 il periodico diventa “La Nuova Europa”, luogo di dibattito e di confronto sulle problematiche sociali, culturali e religiose del continente.

 

Pubblicato in: Citazioni

Il credo americano


“Il “credo americano” di Dean Alfange (1897-1989), pubblicato sul Readers’ Digest negli anni ’50, cattura al meglio l’essenza del sogno americano delle origini. Rappresenta l’esatto opposto del credo italico oggi dominante, quello del “diritto acquisito” e della corsa al reddito di cittadinanza.

Un credo americano

Non voglio essere un uomo comune.

È mio diritto non essere comune, se posso.

Cerco l’occasione per farmi avanti, non la sicurezza. Non desidero essere un cittadino mantenuto, umiliato e rimbecillito per aver lasciato che lo Stato provvedesse a me. Voglio correre il rischio calcolato: per sognare e costruire, per fallire e avere successo. Mi rifiuto di barattare un incentivo con un sussidio.

Preferisco le sfide della vita all’esistenza garantita; il brivido della realizzazione alla calma insipida dell’utopia.Non scambierò mai la mia libertà con della beneficenza, o la mia dignità per dell’elemosina. Non mi inginocchierò mai davanti a nessun padrone, né mi piegherò davanti a nessuna minaccia. E’ nella mia eredità stare eretto, orgoglioso e senza paura; per pensare ed agire per conto mio, godere dei benefici di quello che creo e guardare il mondo in faccia, spavaldamente, e dire “Ho fatto questo”. Ecco quello che significa essere un americano.

Dean Alfange

Fonte: Guglielmo Piombini su Stato Minimo via Luca Maria Blasi