Pubblicato in: Uncategorized

LAPIS

Dizionario delle parole perdute

Il lapis rossoblu (da una parte rosso, dall?altra blu, sempre accuratamente temperato da ambedue i lati) era usato dalla mia professoressa di italiano per correggere i temi svolti in classe. Le sottolineature in rosso erano di due tipi: segni rettilinei e segni ondulati. Il rosso comunque non preoccupava: segnalava solo imperfezioni di forma. Il blu veniva invece usato per sottolineature (o doppie sottolineature) decise, a volte tanto marcate e veementi da lacerare la carta. Erano gli errori gravi di ortografia, di sintassi, di contenuto. L?intensit del segno lasciava immaginare l?irritazione, se non la rabbia, dell?insegnante.
(Alfredo Tamisari)

View original post

Autore:

La Dea Tutte mi ha inviato a combattere il demone dell'evanescenza, fin dalla pianura che non deve essere nominata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.