Bel Paese di merda, Ghisberto, La rete evanescente

Svuotacarceri


Libia: "Pagare a noi pizzo o tirare ancora catena!" Zecche italiche: "Ma a noi piace" (ndr: sguazzare nella cacca) "Voi li trattate male!"

Annunci
Bufale, La rete evanescente

Abboccare


Stavo per abboccare. Eh, già perché fondamentalmente sono un gran boccalone. Come la maggior parte delle persone direi, visto l’andazzo attuale – i meme, le feiknius  eccetera. Per cui quando ho visto questa “infografica”:

Stavo per pigiare “condividi” aggiungendo

‘er bomba se n’è uscito con una minchiata galattica. Oh ciclopico ignorante, mai sentito parlare della Serenissima Repubblica di Venezia? Una robetta che è durata tipo un millennio

Poi mi son chiesto: ma davvero er bomba, ossia Cucciolo, ossia Matteo Renzi sarebbe così stupido?

E infatti è stupido – vedi storia del treno che sta facendo una figuraccia assurda – ma non così abissalmente stupido. Se cerchi in rete le fonti non le trovi.

Quindi le cose son due:

  1. Renzi non ha mai detto quella frase
  2. Renzi l’ha detta, qualcuno l’ha riportata in rete, magari anche col video, ma se non la trovi è come se non esistesse.

Diamo per buona l’ipotesi 1. Volevo però ragionare sull’ipotesi 2 che no, non è complottista come sembra che moltissimi motori di ricerca e reti sociali ci costruiscono una bolla informativa attorno. Ce la costruiamo noi, la bolla.

Siamo dipendenti dai motori di ricerca.

Continua a leggere

Citazioni, Facce da gluteo, Facezie, Ghisberto, La rete evanescente

Precisazioni


Ritengo molto utile la lettura delle note che il buon Ghisberto appone alla sua pagina faccialibrica giacché mi trovo a sposarle in toto:

Vorrei specificare una cosa che ritenevo scontata…

le mie vignette non sono razziste! (controllate il significato di tale parola, please!)

Non sono contro gli stranieri o le persone di colore; “il colore della pelle e’ come il colore degli occhi” Ho amici africani che adoro e non ho nessun problema di questo tipo. (anche perché sposai una straniera non bianca)

Continua a leggere

Bel Paese di merda, La rete evanescente, Le tasse sono una cosa bellissima

SSSSiopero generale!


«Rifiutarsi di pagare le tasse è uno dei metodi più rapidi per sconfiggere un governo.»
(Mahatma Gandhi)

Da Resistenza fiscale su Wikipedia

Ecco qui qualche indicazione trovata su «Pensieri dalla macchia» di tal saragio (ove ho trovato l’infografica di Vazzismo; ha smesso di scrivere quindi mi sembra doveroso riprendere il tutto qui.

 

Continua a leggere

In missione per conto della dia Tutte, La rete evanescente

AdNauseam – e sbertucci la grande suocera


Amisci ed amiche! Ma soprattuto amiche! Correte ad installare AdNauseam !

“Eccheminghiaè-adnauseam?” Vi starete chiedendo…

In alcune isole di vita intelligente, su faccilibro ci iNparano che

Ritornando a botta sulla privacy, ho scoperto oggi che esiste questo plugin, AdNauseam, il cui scopo è cliccare su pubblicità a caso in modo totalmente invisibile all’utente. Incredibile ma vero, ma Google si è dato da fare per bannarlo da Chrome, lasciando però intatti i vadi AdBlock e compagnia.

Perché questo? Perché il concetto di AdNauseam è molto più stronzo del semplice blocco delle pubblicità, ed è un volontario cliccare a caso in modo tale da far registrare ai vari sistemi di profiling (quelli che, a seconda di ciò che guardiamo, clicchiamo e cerchiamo, cercano di capire tutto di noi e ci fanno pubblicità ad hoc) dati assolutamente inutili e rendendo quindi i loro tentativi frustrati.

È molto peggio rispetto al blocco perché non è un “evitare” di veder pubblicità, cosa che comunque non ferma il profiling, ma è proprio manometterla. Se abitudini del genere venissero adottate da più persone, il sistema pubblicitario su internet crollerebbe in quanto totalmente inutile.

Quindi, se avete voglia di far arrabbiare Google, Amazon, Facebook e compagnia, non avete che da provarlo

 

 

 

La rete evanescente, Sottomessi e sanguinari

Excusatio non petita


Avevo già riportato (a fine maggio) questo cartello:

“l’uomo perfetto”
– sposò una bimba di 6 anni
– decapitò 600 persone in un solo giorno
– possedeva schiavi e ne faceva commercio
– ebbe 13 mogli, 11 contemporaneamente
– stuprava,
– torturava ed uccideva chi non la pensava come lui

Ora pare che qualche musulmano si senta offeso da questo cartello e ne chieda la rimozione.

Mai come in questo caso il famoso adagio latino “Excusatio non petita, accusatio manifesta” si rivela adatto, adattissimo.

Oh, povere stelle! E perché si dovrebbero sentire offese? Non c’è nessun riferimento alla religione musulmana in quel cartello! Nessuno.

Davvero, rileggetelo. Nessun riferimento.

Quindi per la serie “excusatio non petita accusation manifesta” quando  Mi musulmani chiedono di rimuovere quel cartello perché anti-islamico stanno precisamente ed inequivocabilmente dichiarando che sì, maometto ha fatto tutte quelle cose.

Continua a leggere

Bel Paese di merda, La rete evanescente, La storia si ripete

Amministrative 2017 (Don Camillo e Peppone 2017)…


Devo assolutamente riproporvi qusto geniale pezzo che Andrea Sartori ha proposto su faccialibro. Lo ricopio qui sospettando che prima o poi la censura faccia-librica cali pesante soffocando la voce di Andrea.

AMMINISTRATIVE
(Don Camillo e Peppone 2017)

Anche sul piccolo paese in riva al fiume si erano tenute le amministrative. Aveva vinto, dopo tanti anni, il vecchio Giuseppe Bottazzi detto Peppone, che era stato sindaco negli anni gloriosi del PCI. Aveva battuto suo figlio, Lenin Camillo Libero, che aveva deciso di calcare le orme paterne.

La grande sorpresa fu nelle liste in appoggio ai due candidati: Lenin Camillo Libero aveva scelto di farsi appoggiare da una lista vicina all’ala renziana del Partito Democratico, mentre il vecchio Peppone aveva formato una lista civica appoggiata però dalla Lega Nord. In suo aiuto era addirittura venuto il suo vecchio nemico, monsignor Camillo Tarocci, ritiratosi nuovamente in paese dopo essere stato “pensionato” da Papa Francesco. Ma come mai Peppone era passato dal fazzoletto rosso al fazzoletto verde?

Continua a leggere

Due pesi due misure, Facce da gluteo, La rete evanescente, Le gioie della società multiculturale, Neo-lingua

L’Inquisizione svedese


I miei quattro lettori ben sanno come mi sia invisa la censura e l’evanescenza della rete.

Ritengo pertanto mio ineluttabile dovere morale ricopiare1 nella sua interezza «Non ci saremmo mai aspettati una sorta di Inquisizione svedese» pezzo di L’orizzonte degli eventi che mi han proposto via faccialibro.

Due cantanti si son trovati a filmare scontri tra immigrati islamici e per il solo fatto di aver pubblicato la cosa son stati licenziati con infamia.

Il frutto marcio della deficenza del modello svedese, di quello di Pippi calzelunghe.

Continua a leggere